Pasqua e Pasquetta, sindacati confermano sciopero del commercio

Filcams, Fisascat e Uiltucs: "La festa non si vende"

“La decisione di aprire i negozi, da parte di alcune aziende, per le festività pasquali è vergognosa e irrispettosa verso i lavoratori, che stanno dando dimostrazione, in questo drammatico momento, di grande responsabilità, garantendo un servizio fondamentale alla collettività”. A dirlo sono le segreterie di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil Toscana, che annunciano astensione e sciopero per domenica (12 aprile) e lunedì.

“#NoiRestiamoaCasa – è lo slogan – per tutelare la salute di chi lavora e di tutti noi, basta spesa compulsiva”.

I sindacati sottolineano quanto molte sentenze hanno da tempo stabilito: “Il lavoro nelle festività civili e religiose individuate dal contratto collettivo nazionale non è un obbligo. Il lavoratore non può essere comandato al lavoro senza il proprio consenso. La festa non si vende“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.