Il bitcoin diventerà valuta ufficiale in Giappone e Australia?

Più informazioni su

La rete è stata informata che i politici australiani hanno proposto di riconoscere il bitcoin come valuta ufficiale. L’argomento avviato dal portale di notizie australiano è stato ripreso da portali di criptovaluta globali e polacchi. Pertanto, è iniziata una discussione sul fatto che il bitcoin stia guadagnando uno status pari alle valute internazionali.

Possiamo trovare tali conclusioni, tra l’altro su portali dedicati al bitcoin (in questo caso, mi riferisco al sito Web bithub.pl).

Per definizione, una valuta è un’unità monetaria che è la base di un sistema finanziario in un determinato paese. Una particolare criptovaluta potrebbe diventare una valuta a tutti gli effetti se un paese equiparasse il suo status al suo denaro federale, che è uno scenario difficile da immaginare.

Qual è lo stato delle criptovalute in Giappone?

In Giappone, crypto-engine software è stato riconosciuto come mezzo di pagamento e un equivalente di valute estere, il che non significa che abbia ricevuto lo status pari a valute estere.

Bitcoin, nella legge giapponese, entrata in vigore il 1° aprile di quest’anno, non è trattata come una valuta legalmente riconoscibile, ma piuttosto come un’attività utilizzata come mezzo di pagamento.

È anche difficile dire da dove provengano le informazioni sulla possibilità di pagare tasse con bitcoin perché la legge sopra menzionata esclude solo le criptovalute dalla tassazione sull’imposta sui consumi. Sebbene il bitcoin sia un mezzo di pagamento a pieno titolo in Giappone, ciò non significa che l’ufficio delle imposte accetterà pagamenti in criptovaluta. I titoli denominati nella valuta nazionale sono anche mezzi di pagamento completi, che non prevedono che pagheremo l’imposta con azioni o obbligazioni.

Sensazione australiana

Nel contesto della sensazione associata alla proposta dei politici australiani, vale la pena notare che il contenuto pubblicato sui portali bitcoin si basa sul materiale pubblicato da The Sydney Morning Herald. L’autore dell’articolo – Eryk Bagshaw – usa la frase abbracciare i bitcoin come forma ufficiale di valuta, che può essere letta come riconoscimento del bitcoin come forma ufficiale di valuta.

La prima domanda è se la frase sia stata usata da uno dei due politici, poiché non è indicata come citazione in The Sydney Morning Herald. Il secondo dubbio riguarda il fatto che il politico che usa queste parole (se fosse una citazione) non abbia abusato accidentalmente del concetto di una valuta che non è la stessa del denaro. Va notato qui che da giugno di quest’anno, il bitcoin è riconosciuto in Australia come mezzo di pagamento. Ciò può escludere l’errore dei politici, con l’ultimo dubbio sul significato della forma ufficiale della valuta, poiché si dovrebbe considerare che questa non è la stessa formulazione della valuta stessa.

L’articolo di Eric Bagshaw stesso riguarda due senatori, Sam Dastyari e Jane Hume, che, in qualità di rappresentanti di due parti diverse, hanno fatto appello alla banca centrale affinché “riconoscesse il bitcoin come forma ufficiale di valuta” e dedicasse maggiore attenzione alla tecnologia blockchain. Il senatore sottolinea che il denaro digitale come il bitcoin è diventato una parte importante del mercato finanziario e l’Australia sta rischiando di rimanere indietro. Per riassumere, riconoscere il bitcoin e altre criptovalute come mezzo di pagamento in Giappone o in Australia non significa che le criptovalute abbiano o avranno lo stato pari alle valute nazionali.

L’uso più ampio di bitcoin nella vita di tutti i giorni è utile per gli speculatori?

Paradossalmente, le maggiori possibilità di usare bitcoin come mezzo di pagamento non significano che il tasso di questa criptovaluta aumenterebbe. Va ricordato che i fattori speculativi sono attualmente responsabili del significativo aumento del tasso di cambio della criptovaluta. Le persone che investono in criptovalute spesso non sono interessate ad usarle nei pagamenti quotidiani, ma ottengono profitti solo aumentandone il valore. In una situazione in cui un numero crescente di partecipanti all’ambiente di criptovaluta utilizzerà criptovalute per pagare beni e servizi, il fattore speculativo diventerà meno significativo.

Allo stato attuale dell’operazione di criptovaluta, anche la diffusa accettazione del loro uso negli scambi locali non implica che saranno accettati nello scambio all’ingrosso tra imprenditori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.