Il gruppo Valiani guarda al futuro e diventa officina autorizzata per autospurghi e veicoli industriali foto

L'occasione è anche per presentare un mezzo compatto e funzionale

È un’alleanza che guarda al futuro quella sancita stamattina 24 ottobre fra il gruppo Valiani di Santa Croce sull’Arno e la Longo Srl di Bari, azienda leader in Italia nel settore degli autospurghi e in generale dei veicoli industriali per l’ambiente. Azienda di cui Valiani diventa da oggi officina autorizzata e punto di riferimento per tutta la Toscana, potendo offrire ai propri clienti la qualità dei veicoli innovativi e all’avanguardia targati Longo, a cominciare dal piccolo e compatto autospurgo presentato e consegnato stamattina alla ditta Spurghi Santacrocesi,

Un veicolo rivoluzionario, capace di ‘compattare’ le funzionalità di uno spurgo tradizionale in dimensioni decisamente più contenute, in modo da operare agevolmente dentro centri storici, proprietà private e zone impervie. Un’innovazione e una sfida che arrivano nel bel mezzo della pandemia, ricordando che “mai come adesso – dice Alessandro Valiani, general manager dell’azienda di Santa Croce – serve il coraggio di investire e di riorganizzarsi”.

Già nel settembre del 2019, del resto, il gruppo Valiani aveva ampliato il proprio campo d’azione aggiungendo alla manutenzione e revisione di veicoli industriali anche il settore del movimento terra, grazie a una collaborazione con la Hyundai. Adesso si aggiunge la partnership con Longo che porta il gruppo santacroce nel mondo dei veicoli per l’ambiente. “Longo ci ha scelto per la nostra struttura e le nostre competenze – dice Valiani – con le quali possiamo offrire all’azienda non solo il nostro service ma anche la struttura e il supporto per il commerciale”. In pratica, il gruppo Valiani diventa da oggi l’unica officina autorizzata da Longo per i circa 250 spurghisti presenti in Toscana, ai quali l’azienda di via del Trebbio potrà offrire i veicoli e le innovazioni del noto gruppo barese, a cominciare proprio dall’innovativo mezzo presentato stamattina nel piazzale dell’azienda.

Si tratta di un autospurgo da 12 tonnellate, con un motore fino a 250 cavalli e un impianto da 300 bar. Un veicolo che non ha niente da invidiare per funzionalità e potenza agli spurghi tradizionali, ma dove tutto è ridotto in una dimensione più contenuta, con una larghezza di appena 1 metro e 85 contro i 2,50 dei veicoli tradizionali. Un mezzo interamente italiano, realizzato da Longo su telaio firmato dalla Fluart Srl (con sede in provincia di Potenza). “Un mezzo che è rivelato perfetto anche come piccola e maneggevole autobotte per i vigili del fuoco, ai quali sono già stati consegnati più di 100 veicoli”, ha detto Pasquale Menichini della Fluart.

“La grande innovazione di questo prodotto sta nelle dimensioni – ha aggiunto Vito Longo dell’omonima azienda pugliese -. Tra i veicoli della stessa categoria non esiste niente del genere in Europa e probabilmente nel mondo. È perfetto per operare nei centri storici e nei punti più difficili da raggiungere con gli autospurghi tradizionali, arrivando meglio sul punto di lavoro senza dover sporcare stendendo metri e metri di tubo”.

Un veicolo che la ditta Spurghi Santacrocesi ha deciso di aggiungere al proprio parco mezzi, acquistando quello che al momento è l’unico veicolo di questo tipo presente nel comprensorio. Questa mattina, al termine della cerimonia ospitata nello showroom del gruppo Valiani, è stato Vito Longo a consegnare le chiavi del mezzo ai titolari dell’azienda.

Per il gruppo Valiani, invece, l’evento di stamani sancisce l’ingresso in un mercato che probabilmente diventerà sempre più importante. “La nostra scelta – ha spiegato Alessandro Valiani – è stata motivata dal fatto che Longo rappresenta un gruppo all’avanguardia col quale possiamo introdurci sul mercato con prodotti validi e innovativi. Il veicolo presentato stamani è riuscito a ‘miniaturizzare’ tutte le funzioni di uno spurgo tradizionale in un mezzo completo. Un’idea vincente che ci permetterà di affermarci in un mercato dove ci siamo da sempre, ma che adesso potremo sviluppare in maniera sistematica con un prodotto d’avanguardia e con alle spalle un costruttore di livello internazionale. In questo modo il settore ambientale diventerà strategico per il nostro futuro come lo è diventato quello del movimento terra”.

Per questo l’azienda di via del Trebbio ha realizzato questa mattina anche una serie di interviste e videoclip da inviare nei prossimi giorni alle ditte del settore. “Non potendo fare un convegno o un evento in grande stile a causa delle restrizioni dell’emergenza Covid – ha spiegato Valiani – la nostra dirigente alla comunicazione Manola Guazzini ha ideato e organizzato questo evento col quale saranno montati dei videoclip da mandare alle circa 250 aziende di autospurgo e pozzi neri presenti in regione, per raggiungere anche a distanza i nostri clienti”.

Una sfida ma soprattutto un atto di fiducia in un momento complicato. “Gli imprenditori sentono di dover affrontare un futuro che non dà garanzie di tenuta del mercato e di rispetto dei pagamenti – ha concluso Valiani – perché il lavoro e la circolazione di liquidità sono limitati. Ritengo tuttavia che proprio in questa fase sia necessario investire e riorganizzarsi con tenacia e con coraggio. La ditta Spurghi Santacrocesi che ha acquistato questo mezzo ha fatto un investimento sul futuro, dimostrando il giusto spirito di fare impresa e un messaggio di fiducia che dobbiamo raccogliere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.