Quantcast

Amazon, è sciopero nazionale: in Toscana coinvolti 800 lavoratori

Presidi a Calenzano e Pisa

Più informazioni su

Amazon, è stato proclamato uno sciopero, a livello nazionale, per le 24 ore di lunedì 22 marzo. In Toscana sono 800 i lavoratori coinvolti e i sindacati toscani annunciano presidi sia al magazzino di Calenzano che a quello di Pisa. 

“E’ inaccettabile l’indisponibilità della multinazionale al confronto con i sindacati – spiegano Filt Cgil, Fit Cisl e Uil trasporti -.  La trattativa tra sindacati ed Assoespressi, sulla piattaforma per la contrattazione di secondo livello della filiera Amazon si è interrotta bruscamente a causa dell’indisponibilità dell’associazione datoriale ad affrontare positivamente le tematiche poste dal sindacato. I sindacati denunciano la latitanza di Amazon sul tavolo del delivery e l’assenza di risposte della multinazionale americana in relazione alla prosecuzione del confronto, avviato a gennaio scorso, relativamente al personale dipendente ed a quello che opera negli appalti dei servizi di logistica”.

“Amazon manifesta, col suo comportamento inaccettabile – proseguono le sigle sindacali –  l’indisponibilità cronica ad un confronto con le rappresentanze dei lavoratori in spregio alle regole previste dal Ccnl e ad un sistema di corrette relazioni sindacali. Il colosso di Seattle deve prendere atto, suo malgrado, che il sindacato fa parte della storia e del percorso costituente del nostro paese e con questo deve confrontarsi, in Italia”.

Tra i punti rivendicati da Filt, Fit e Uiltrasporti la verifica dei carichi e dei ritmi di lavoro imposti nella filiera Amazon, la verifica e contrattazione dei turni di lavoro, il corretto inquadramento professionale del personale, la riduzione dell’orario di lavoro dei driver, i buoni pasto, l’adeguato dell’importo dell’indennità di trasferta, la clausola sociale e continuità occupazionale in caso di cambio appalto o cambio fornitore, il premio di risultato contrattato, l‘indennità Covid per operatività in costanza di pandemia, danni e franchigie, salute, sicurezza e formazione e stabilizzazione tempi determinati e lavoratori interinali.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.