Quantcast

Toscana Aeroporti, il sindaco di Pisa incontra i lavoratori al presidio

Michele Conti: "Ci sono 450 famiglie preoccupate per il futuro"

Più informazioni su

Il sindaco di Pisa Michele Conti è intervenuto ieri mattina 23 marzo al presidio dei lavoratori della Toscana Aeroporti Handling in sciopero contro la decisione della società di vendere il comparto. Conti prima aveva ricevuto una delegazione sindacale a Palazzo Gambacorti e successivamente è sceso in piazza XX settembre per parlare direttamente con i lavoratori al loro undicesimo giorno di mobilitazione.

“Sono al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori – ha dichiarato Conti che, in questo periodo di pandemia in cui la ripresa è ancora lontana, si trovano in una inaccettabile situazione di grave incertezza. Si tratta di 450 famiglie fra Pisa e Firenze che alla difficoltà oggettiva (i lavoratori sono in cassa integrazione) aggiungono la preoccupazione per il loro futuro. Questa vicenda ha bisogno di essere chiarita al più presto perché ogni volta che si vende un’azienda o si decide di fare a meno di un pezzo produttivo di una società siamo di fronte non solo a una potenziale perdita di valore dei salari per i dipendenti, ma anche a un impoverimento dell’intero territorio. Questo percorso che la società ha iniziato non mi trova d’accordo. Credo che, in questo senso, sia necessaria una presa di posizione di tutti i soci pubblici di Toscana Aeroporti”.

L’iniziativa fa seguito a una presa di posizione del consiglio comunale di Pisa che, in una mozione votata all’unanimità, non aveva ritenuto “in alcun modo una garanzia sufficiente la promessa che l’eventuale acquirente garantisca per 24 mesi i livelli occupazionali e salariali attuali, tanto più in una fase di forte incertezza sulla ripresa del settore, a causa della emergenza sanitaria, economica e sociale”.

Nel testo approvato da tutte le forze politiche presenti in consiglio si citavano i “numerosi atti approvati  a Pisa e anche in Regione, con cui si chiedeva di vincolare lo stanziamento delle risorse regionali per far fronte alle esigenze dei lavoratori e delle lavoratrici, garantendo i livelli occupazionali e salariali” chiedendo alla Regione Toscana “di congelare il finanziamento stanziato, in quanto non è pensabile che vengano dati ristori pubblici a fondo perduto senza le dovute garanzie sul piano occupazionale e salariale e di dare il via libera al finanziamento solo dopo che sia stato presentato da parte della società un piano per la tutela di tutte le lavoratrici e i lavoratori diretti, indiretti ed in appalto”.

Il documento, inoltre, impegna il sindaco e la giunta a “coordinarsi rapidamente con tutti gli altri soci pubblici per chiedere una riunione urgente del Cda e dell’assemblea dei soci, affinché venga riesaminata la decisione assunta in merito alla vendita del comparto dell’handling”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.