Quantcast

Inchiesta Dda, Unic: “Il comparto prenda le distanze da quanto avvenuto e si metta a disposizione degli inquirenti”

L'associazione: "Le questioni sono di natura amministrativa e nulla hanno a che vedere con la qualità dei prodotti. Si prosegua nel percorso di sostenibilità ambientale e sociale"

Inchiesta della Dda sul distretto conciario, interviene anche Unic – Concerie Italiane, associazione affiliata a Confindustria Moda.

“In merito all’inchiesta che ha investito il distretto conciario di Santa Croce sull’Arno – si legge nella nota di Unic – Concerie Italiane, nel rimarcare che, allo stato attuale delle indagini, si tratta di mere ipotesi investigative, prende le distanze dalle condotte contestate dalle autorità, in quanto esulano totalmente dai principi e dai valori sempre fatti propri e praticati. Va sottolineato che l’inchiesta riguarda, soprattutto, questioni di natura amministrativa e quindi non attinenti alla qualità dei prodotti delle singole aziende toscane, da sempre impegnate concretamente in ambito economico, ambientale e sociale per il raggiungimento di obiettivi sempre più performanti”.

“È necessario ora – dice Unic – che anche tutto il comparto locale prenda le distanze dagli episodi contestati e si metta a disposizione degli inquirenti per il raggiungimento della verità e, soprattutto, non dovrà perdere l’occasione per dare un segnale di rinnovamento e proseguire verso quel percorso di sostenibilità ambientale e sociale che sta alla base dell’agire delle moltissime aziende del territorio. Il distretto toscano, così facendo, avrà al suo fianco Unic e tutte le eccellenze nazionali produttive e tecniche”.

“L’industria conciaria italiana – conclude la nota dell’associazone aggregata a Confindustria Moda – oggi martoriata dagli effetti della pandemia e da sfavorevoli fattori di mercato, ha dimostrato negli anni il suo impegno nella capacità di competere e innovare, adottando le migliori pratiche nel più ampio rispetto dell’ambiente e nell’adozione di un sistema di economia circolare unico nel panorama mondiale del settore. Non possiamo non esprimere la nostra amarezza, ma affrontiamo con grande senso di responsabilità anche questo delicato momento, sottolineando il tantissimo che, in modo concreto e positivo, è stato fatto e si continua a fare. Impegno, dedizione al lavoro e trasparenza sono le parole chiave che guidano le concerie italiane”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.