Fucecchio, il 61% delle aziende parla cinese: dopo Prato e Montemurlo è la più grande comunità di imprenditori stranieri in Toscana

I dati di Unioncamere

Fucecchio è terra di colonizzazione cinese. Potrebbe sembrare una metafora azzardata ma i dati raccolti da Unioncamere parlano di una crescente incidenza di aziende gestite da imprenditori originari del “Celeste Impero”, nel comune del comprensorio del Cuoio.

Secondo i dati diffusi, infatti, circa il 61,2% degli imprenditori fucecchiesi è cinese. Una cifra in linea con altri centri economici della provincia di Firenze e, come largamente atteso, di Prato. A a Prato la percentuale di imprenditori cinesi sale al 70%. Per rimanere nella provincia, è Montemurlo a fare la parte del leone con il 66,2%, poi ci sono appunto Fucecchio (61,2%) e Campi Bisenzio (48,6%).

Con quasi 650mila imprese, il 10,7% del totale, alla fine di marzo 2022 l’imprenditoria straniera si conferma una componente strutturale del tessuto imprenditoriale italiano, presente nel 94% dei comuni italiani e capace di attraversare indenne – allargando il proprio perimetro – l’emergenza Covid. Nel periodo compreso tra la fine di marzo 2020 e il 31 marzo di quest’anno, il numero di imprese guidate da persone nate fuori dai confini nazionali è cresciuto di 54mila unità (+8,7% contro una crescita media del totale delle imprese del 2,3% nel periodo). A fare da volano, come per il resto del tessuto imprenditoriale del Paese, hanno contribuito gli incentivi al recupero del patrimonio edilizio: il 39% di tutto l’incremento delle imprese di stranieri si è infatti ergistrato nel settore delle costruzioni (+20.974 unità).

E’ quanto emerge dai dati del registro delle imprese delle Camere di Commercio elaborati da Unioncamere-InfoCamere nel periodo che va dal 31 marzo 2020, coincidente con l’avvio della fase di emergenza sanitaria – e il 31 marzo di quest’anno, ultimo rilevamento disponibile dell’analisi Movimprese sull’andamento della demografia delle imprese italiane.

Nel periodo contraddistinto dalla pandemia, l’incremento più consistente di attività guidate da persone nate fuori dai confini nazionali si è registrato in Lombardia, con 11.005 imprese in più negli ultimi due anni (+9,3%) che si conferma altresì la regione leader – con distacco – per presenza di imprenditoria straniera (124.106 le attività alla fine di marzo di quest’anno). In termini relativi, la dinamica più accentuata si è invece avuta nelle vicine regioni dinamica più accentuata si è invece avuta nelle vicine regioni dell’arco alpino, a partire dalla piccola Valle d’Aosta (+14,0%), Trentino alto Adige (+12,7%), Piemonte (+11,4%) e Liguria (10,8%). A livello settoriale, in termini assoluti l’ampliamento della platea dell’imprenditoria straniera ha riguardato principalmente il settore delle costruzioni con 20.974 imprese in più nel biennio considerato. Subito dopo il commercio e i servizi alla persona, rispettivamente con 9.149 e 3.695 imprese in più. In termini relativi, la presenza di imprese di stranieri si è rafforzata nelle attività finanziarie e assicurative (+16,5%), nelle costruzioni (+15%) e nelle attività tecniche, scientifiche e professionali (+12,7%%). Alla fine di marzo di quest’anno, la concentrazione maggiore di imprese di stranieri si registrava nel comparto del commercio al dettaglio con 158.049 attività (pari al 24,4% di tutto l’universo dell’imprenditoria straniera) e nei lavori di costruzione specializzati (127.001 imprese per una quota del 19,6% sul totale). A grande distanza seguono le attività dei servizi di ristorazione (49.782 imprese ovvero il 7,7%) e il commercio all’ingrosso (37.083 imprese pari al 5,7%).

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.