L’importanza di eliminare le barriere architettoniche

Più informazioni su

La libertà di movimento per molti è un dato scontato. Non è questa la condizione, però, di tutte quelle persone con ridotta o limitata capacità motoria, che vivono dunque con sofferenza la presenza di barriere architettoniche che impediscono loro di muoversi liberamente in spazi pubblici e privati. Dislivelli di varia natura, così come rampe di scale senza corrimano o con un appoggio posizionato a un’altezza sbagliata, sono soltanto alcuni esempi di barriere architettoniche: eliminarle è possibile, grazie a degli appositi strumenti pensati appositamente per le strutture che presentano ostacoli di questo tipo.

Le barriere architettoniche negli spazi privati

Tra le barriere architettoniche più presenti nelle strutture pubbliche e private, spiccano certamente le scale. Queste possono impedire di raggiungere la zona notte della propria abitazione, così come l’accesso al palazzo in cui si abita, per non parlare di quegli edifici pubblici come musei e scuole, segnati spesso e volentieri da gradini e rampe che ostacolano chiunque abbia una ridotta capacità motoria.

Guardando a una situazione più domestica e dunque a un’esigenza quotidiana, è possibile risolvere il problema delle scale, siano esse dritte o curve, mediante uno strumento come Handicare montascale, pensato appositamente per ambienti condominiali o per gli interni delle abitazioni di persone con capacità di movimento limitate. Soluzioni come queste si rivelano preziose e funzionali, se si pensa che un montascale per anziani, come quelli ormai in commercio, sono dotati inoltre anche di moderni sistemi di sicurezza e sensori pensati appositamente per evitare tutti quegli imprevisti che un tempo caratterizzavano questo genere di servoscala: cinture di sicurezza, guide e binari innovativi applicati lungo tutto il percorso e sistemi di attivazione a chiave sono solo alcuni dei tratti che permettono a queste tecnologie di abbattere le barriere architettoniche che, purtroppo, molte persone hanno dentro il loro palazzo o dentro la propria abitazione.

Malgrado l’efficacia di soluzioni come queste, tuttavia, spesso alcuni condomini vivono delle resistenze relative all’abbattimento delle barriere architettoniche, legate anche ai costi di simili installazioni. Da questo assunto, deriva gran parte delle modifiche alle normative di settore, che adesso permettono anche al singolo abitante del condominio di effettuare i lavori, indipendentemente dal consenso dell’assemblea condominiale.

Le barriere architettoniche negli spazi pubblici

La normativa in fatto di ambienti pubblici e spazi privati aperti al pubblico è molto più specifica, e garantisce che queste strutture debbano essere perfettamente accessibili a chiunque abbia ridotte capacità motorie. In questo senso, sono desiderabili sia l’abbattimento diretto delle barriere architettoniche esistenti, sia l’installazione di ogni forma di ausilio per venire incontro alle persone destinatarie di questo genere di interventi. Montascale e servoscale, così come ascensori e rampe d’accesso sono soltanto alcuni degli interventi che possono essere eseguiti in questi contesti.

Come si può intuire, la situazione diventa più complessa quando si ha a che fare con spazi e ambienti soggetti a vincoli architettonici e paesaggistici, che dunque richiedono specifiche autorizzazioni e un allungamento della trafila burocratica necessaria.

Qualunque sia il caso, l’eliminazione delle barriere architettoniche deve continuare a essere una priorità: solo perseguendo con costanza questo obiettivo, sarà possibile garantire un miglioramento della vita privata e sociale delle persone disabili e con problemi motori.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.