Quantcast

Befana di solidarietà con l’Arci La Catena: 75 pasti consegnati alle famiglie in difficoltà

Iniziativa nel giorno dell'Epifania: "Un modo per ritrovare socialità, speriamo diventi un appuntamento fisso"

In questa Befana segnata dal maltempo (eppure da qualche inefficace fiocco di neve) dal circolo Arci de La Catena parte un camioncino pieno di solidarietà.

Sono 75 i pasti che partiranno, cucinati nel circolo, per andare nelle case di persone segnalate dalla Caritas. Un menu fatto di pasta al pomodoro, filetto di orata con verdure miste, panettone, cantucci, un’arancia e pane.

“Una bella iniziativa – ha commentato il sindaco Simone Giglioli – nata dalla sinergia fra Caritas, Farmacie e Arci. Un bel gesto in un momento in cui i circoli cominciano a soffrire la chiusura, che dà un po’ di speranza per il 2021 per persone che l’hanno persa e fanno fatica a pensare ad un 2021 migliore. In un comune come il nostro, con tante frazioni, i circoli e le Case del Popolo sono un faro di socialità. La loro mancanza si sente, perché non sono solo un luogo di ritrovo per i più anziani, ma centri in cui ci si organizza, come oggi qui a La Catena, per progetti e iniziative per la comunità. L’auspicio è che questo possa diventare un appuntamento fisso”.

David Spalletti, vicepresidente dell’Arci Zona Cuoio aggiunge: “Siamo qui stamani per un’iniziativa nata dalla spinta dei volontari dell’Arci Solidarietà. Sarebbe stato più bello ospitare queste persone qui come spesso é stato fatto. Non possiamo farlo a causa del Covid e quindi ci siamo inventati questo nuovo modo. Un modo per noi per ripartire con un po di attività”.

Il segretario del circolo Arci La Catena, Ugo Giantini, sottolinea l’importanza del volontariato: “Vorrei ringraziare – dice – tutti i soci per il loro lavoro ed il loro entusiasmo. Sperando che diventi un appuntamento fisso anche in tempi migliori, magari in presenza”.

Dice la sua anche Andrea Gronchi dell’azienda speciale farmacie: “Oggi potevamo passare in modo diverso questo giorno, ma proprio per questo abbiamo sposato subito questa iniziativa”.

Nadia Magni della Caritas di San Miniato conclude: “I progetti nati un po’ in corsa come questo forse sono quelli che danno i migliori risultati. Stare vicino e farsi compagni di viaggio a chi ha difficoltà é il modo migliore per passare le feste”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.