Emergenza Covid, Fondazione Arpa e Lions donano altri venti tablet all’Aoup

Iniziativa congiunta con i Lions Club Pisa Host

Non si ferma l’impegno di Fondazione Arpa verso i pazienti Covid-19 dell’Azienda ospedaliero universitaria pisana (Aoup), i loro cari ed il personale sanitario.

Arpa, infatti, insieme al Lions Club Pisa Host (Distretto 108 – La) dona alla Aoup altri 20 tablet oltre a quelli già consegnati la scorsa primavera, in occasione della prima ondata pandemica. L’iniziativa congiunta di Fondazione e Lions, nata anche grazie all’impulso del professor Davide Caramella, produce quindi un ragguardevole risultato.
I nuovi tablet sono stati consegnati ad Aoup dal presidente Arpa, Luca Morelli, dall’avvocato Giuseppe Mazzotta (presidente Lions Club Pisa Host) e da Vincenzo Pennetti (Comandante corpo guardie carcerarie del Don Bosco di Pisa e vicepresidente Lions Club Pisa Host).

È infatti fondamentale che i pazienti, durante questa seconda ondata, possano continuare a intrattenere rapporti quotidiani con i loro affetti, grazie alla tecnologia. Le videochiamate attraverso i tablet diminuiscono sensibilmente i gradi di separazione (inevitabile quella fisica) tra le persone e contrastano in modo efficace il dramma della solitudine per chi è sottoposto a cure, alleggerendo al contempo il cuore e la mente di chi è in ansia per i propri cari. Anche il personale medico e sanitario, sovente chiamato ad un enorme lavoro extra per sopperire a queste dinamiche, può così rifiatare. Così, specie nel corso delle festività, i legami più stretti continueranno a rimanere intatti. Alcuni di questi nuovi tablet verranno adesso anche utilizzati da Aoup nel corso della campagna di vaccinazione degli operatori sanitari, appena iniziata.

Il progetto si colloca all’interno del più ampio RainboWifi: Arpa, a questo proposito, ha appena deciso, anche grazie al contributo del Rotary Club Pisa presieduto da Sandro Sgalippa, di estendere la connessione gratuita dentro la Aoup fino a maggio. Un modo per testimoniare attivamente che con la solidarietà è possibile abbattere ogni ostacolo ed un riconoscimento nei confronti del compianto Franco Mosca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.