Quantcast

“Abbiamo mostrato che la Valdera sa essere solidale”, donato un laringoscopio al Lotti di Pontedera foto

Del valore di circa 15mila euro, sarà molto utile nell’attività di reparto: è uno strumento che consente di procedere all’intubazione tracheale nei casi più gravi

Un progetto nato poco meno di un anno fa, nel periodo più difficile dell’emergenza sanitaria, quello in cui i reparti di terapia intensiva degli ospedali del territorio cominciavano a riempirsi di pazienti positivi al covid 19. In quel frangente medici e infermieri dovevano prestare le necessarie cure a persone positive al virus e necessitavano di adeguate protezioni.

Per questo motivo sei comuni dell’Unione Valdera ovvero Bientina, Buti, Capannoli, Calcinaia, Casciana Terme Lari e Palaia, hanno promosso una raccolta fondi che è servita nell’immediato a rifornire il personale dell’ospedale di dispositivi individuali di sicurezza, quali mascherine di tipo Ffp2 e camici, ma che è continuata fino ad arrivare ad una cifra ragguardevole che ha permesso, in accordo con il direttore sanitario della struttura, di acquistare strumentazioni utili per il reparto di terapia intensiva.

L’iniziativa Proteggiamoli ha permesso in questi mesi di acquisire, oltre a dispositivi di sicurezza e materiale utile per medici e infermieri, anche un ecografo. A questa dotazione il prossimo si aggiunge anche un laringoscopio di ultima generazione che lunedì 1 marzo è stato donato al reparto di anestesia e terapia intensiva, diretto da Paolo Carnesecchi.

“Anche a nome della direzione – sottolinea il dottor Carnesecchi – ringrazio i sindaci e tutta la cittadinanza che in questo anno difficile ci sono stati sempre vicini, la loro generosità per noi è stata preziosa sia umanamente sia materialmente, il laringoscopio è solo l’ultimo delle donazioni che abbiamo ricevuto. Questi gesti confermano che quello che facciamo quotidianamente ha un senso e una rilevanza, anche se purtroppo, non tutti riescono a guarire da questa grave patologia, consideriamo che in questo anno abbiamo ricoverato in terapia intensiva 300 pazienti tra cui 20 positivi al covid 19. Il laringoscopio, del valore di circa 15mila euro, sarà molto utile nell’attività di reparto: è uno strumento che consente di procedere all’intubazione tracheale nei casi più gravi in cui il controllo delle vie aerei e più difficoltoso”.

“La campagna Proteggiamoli – per la presidente dell’Unione Arianna Cecchini – ha coinvolto associazioni, aziende e singoli cittadini dei nostri comuni che ringraziamo per il loro contributo a questa causa. Credo dobbiamo essere fieri di questa risposta e della generosità che il nostro territorio ha saputo mostrare in un frangente tutt’altro che facile per famiglie e imprese. Un ringraziamento particolare va anche all’Ufficio Gare dell’Unione che in piena pandemia ha gestito l’acquisto. Abbiamo mostrato che la Valdera sa essere solidale e che, grazie all’unione delle forze dei singoli comuni, si possono raggiungere obiettivi importanti in grado di aiutare concretamente molte persone, anche al di fuori dei confini comunali. E’ con immensa soddisfazione quindi che doniamo questo nuovo macchinario all’Ospedale Lotti di Pontedera, sicuri che potrà aiutare il reparto di terapia intensiva, ma con la speranza che non sia più necessario per monitorare pazienti affetti da covid 19”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.