Quantcast

Anche il Comune di Fucecchio aderisce al ‘Manifesto della comunicazione non ostile’

Il progetto vuole invitare l'utente a ridefinire il modo di scrivere sul web

Anche il Comune di Fucecchio aderisce al Manifesto della comunicazione non ostilePromosso dall’associazione Parole O stili il documento vuole sensibilizzare la comunità contro la comunicazione violenta, specie quella sul web.

Il progetto vuole infatti rappresentare l’occasione per ridefinire le modalità comunicative con cui gli utenti del web si rapportano tra loro e invitarli a scegliere il registro linguistico e le parole nella consapevolezza che, soprattutto i social network, non costituiscono una zona franca, bensì luoghi virtuali per l’incontro di personale reali. In particolare, il Manifesto della comunicazione non ostile, si fonda su dieci principi: virtuale è reale, si è ciò che si comunica, le parole danno forma al pensiero, prima di parlare bisogna ascoltare, le parole sono un ponte, le parole hanno conseguenze, condividere è una responsabilità, le idee si possono discutere ma le persone si devono rispettare, gli insulti non sono argomenti e anche il silenzio comunica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.