Quantcast

Una scuola intitolata a Denise Latini per i bambini del Senegal

Il sogno e il progetto della donna scomparsa un anno fa prende vita. La presentazione alla Fondazione I Care a Fucecchio

Una scuola materna intitolata a Denise Latini. Questo il progetto degli amici della donna scomparsa un anno fa, a partire dal lascito testamentario legato alla possibilità di costruire una scuola in un villaggio africano.

Il gruppo di amici incaricato da Denise di realizzare “il suo sogno e suo progetto” ha incontrato I Bambini di Ornella, l’associazione che opera in Senegal con i bambini che rimangono fuori dai percorsi scolastici, alla quale era appena arrivata la richiesta di realizzare una scuola materna a Daga Dialaw, un villaggio rurale di 3000 abitanti in Senegal, isolato all’interno della brousse.

Si tratta di contribuire all’inserimento scolastico di almeno una cinquantina di bambini di età compresa tra i 2 e i 6 anni, che in assenza di alternative passano il loro tempo in casa o in strada e nella maggior parte dei casi rischiano di non essere inseriti a scuola o incontrare grosse difficoltà.

Il lascito di Denise viene utilizzato per comprare il terreno e costruire la struttura, in modo che la scuola abbia una casa sicura su cui contare; ma la collaborazione continuerà nella prosecuzione del progetto educativo, coinvolgendo le scuole e la comunità nella terra di Denise e le tante e i tanti che le hanno voluto bene.

Il cammino d’incontro e di giustizia inizierà venerdì (9 luglio) alle 19, alla Fondazione I Care a Fucecchio (via 1 Settembre 43/A a Fucecchio), con la presentazione del progetto e l’avvio della collaborazione con l’associazione Popoli Uniti che, da anni ormai, gestisce il dopo scuola Alidoro per i bambini più bisognosi di supporto, che sono prevalentemente di origine straniera.

Seguirà una cena sulla terrazza della Fondazione I Care, con la collaborazione della Casa del popolo G. Pacchi e della sezione soci Coop Fucecchio, per contribuire alla gestione della scuola materna Denise Latini e alla crescita dei bambini del villaggio, con l’istruzione che sta alla speranza come l’acqua sta alla vita, quella speranza in un mondo migliore, più giusto, per cui Denise ha tanto lavorato e lottato.

Denise Latini ci ha lasciato quasi un anno fa; con un vuoto immenso, perché riempiva il mondo e conquistava le persone con il suo entusiasmo, la sua simpatia, la sua bellezza. Si era impegnata nelle organizzazioni della sinistra e aveva via via assunto responsabilità di partito e incarichi istituzionali (per tre mandati consigliere comunale a Certaldo, e per cinque anni presidente del consiglio comunale), diventando un punto di riferimento per la zona e non solo. Denise era generosa nell’impegno, scrupolosa nello studiare i problemi, creativa nel proporre soluzioni originali, instancabile nell’organizzazione. Straordinariamente capace di comunicare con le persone e leale con le organizzazioni di cui aveva fatto parte era sempre stata una voce indipendente e critica. L’Africa era nel suo cuore e nel suo testamento ha destinato gran parte dei risparmi accantonati per far fronte alla sua malattia per costruire una scuola in un villaggio africano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.