A Castelfranco arriva lo screening gratuito per la prevenzione dall’Alzheimer

Promosso dal Rotary Club di Castelfranco di Sotto - Valdarno Inferiore, avrà la durata di un anno e sarà effettuato attraverso un software messo a punto da un gruppo internazionale di ricercatori

Dopo i 45 anni, lo screening della salute mentale dovrebbe essere una routine. Siamo abituatati a fare degli esami del sangue per monitorare lo stato di salute dei nostri organi interni, ma come prendiamo cura del nostro cervello?

È un concreto invito a monitorare il proprio stato di salute che è nata la nuova iniziativa Screening gratuito per la prevenzione del morbo di Alzheimer e altre forme di demenza. Un servizio dedicato alla popolazione di Castelfranco di Sotto offerto gratuitamente dai medici del Centro medico di piazza Giusti 4 ai pazienti che ne facciano richiesta.

Lo screening, promosso dal Rotary Club di Castelfranco di Sotto – Valdarno Inferiore, avrà la durata di un anno e sarà effettuato attraverso un software messo a punto da un gruppo internazionale di ricercatori, installato su un computer specifico e fornito in comodato gratuito per un anno dalla società tedesca Advanced digital solutions Ou.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina (29 settembre) alla presenza del sindaco di Castelfranco di Sotto, Gabriele Toti, i medici di medicina generale, Sauro Bimbi, Agostino Bassi, Susanna Dini, Ranieri Torri e Paola Spitaleri, che hanno accolto la proposta fin dall’inizio con grande entusiasmo, insieme a Claudio Bartali, presidente del Rotary Club Castelfranco di Sotto Valdarno Inferiore, sponsor dell’iniziativa.

“Ringrazio il Rotary di Castelfranco per aver promosso questa importante iniziativa e i medici che si sono messi a disposizione per effettuare questi test di prevenzione totalmente gratuiti per la popolazione. Un grazie doveroso va anche alla società che ha fornito gratuitamente l’apparecchiatura – ha commentato Gabriele Toti – Questa è un’occasione molto preziosa per sensibilizzare la comunità sul rischio di malattie mentali. Sono patologie che, se prese in tempo, possono essere rallentate e tenute sotto controllo. Molto spesso, purtroppo, non se ne ha una reale cognizione”.

A chi serve?

Poiché l’età è il maggior fattore di rischio per le demenze e le malattie neurodegenerative, si consiglia in particolare alle persone di età 60+ di sottoporsi agli screening regolari. I sintomi più caratteristici di morbo di Alzheimer sono deficit di memoria, problemi di linguaggio, confusione, cambiamenti di personalità, mancanza di iniziativa, disorientamento e perdita delle capacità di ragionamento. I cambiamenti anormali nel cervello iniziano fino a 20 anni prima della comparsa dei sintomi. Questa finestra temporale offre una possibilità di una diagnosi precoce.

Perché è importante?

Sebbene la conoscenza della malattia si sia notevolmente ampliata negli ultimi anni grazie ai progressi nel campo della genetica, della biologia molecolare e delle neuroscienze, la causa del morbo di Alzheimer e di tante altre malattie neurodegenerative non è ancora stata trovata. Gli scienziati concordano comunque sul fatto che molteplici fattori contribuiscono al quadro clinico. Poiché non esiste ancora una cura per il morbo di Alzheimer, la prevenzione e lo screening sono i concetti migliori per monitorare le funzioni cognitivi e psicologici in maniera da poter prontamente intervenire in caso di necessita. Considerato nel complesso, l’affaticamento del cervello e un argomento che dobbiamo affrontare insieme come società, consapevoli del contributo che noi stessi, come “proprietari del nostro cervello”, possiamo dare ad esso. Moltiplichi prove scientifiche mostrano che soprattutto nelle prime fasi del declino cognitivo si può intervenire e rallentare la degenerazione nel cervello attraverso un uno cambio di stile di vita.

Come funziona?

Lo screening ha una durata di circa 20 minuti ed è realizzato con BrainCheck_ND, un sistema digitale che consente di fare una prima analisi strutturata e standardizzata della salute mentale, basandosi su dei questionari sullo stato psicologico generale, sulle informazioni mediche della persona, sui test cognitivi e sui test psicometrici. La valutazione dello screening che ogni persona riceve al termine dello screening evidenzierà un profilo cognitivo-comportamentale ed eventuali aree deficitarie. Se lo screening riscontrerà dei deficit, i medici di famiglia potranno indirizzare il paziente al neurologo per un esame neurologico completo.

Per la prenotazione del servizio i pazienti dovranno contattare la segretaria del centro medico al numero 0571.489513.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.