Quantcast

Ponte a Egola si tinge di rosso contro la violenza sulle donne foto

L'iniziativa di Territorio in comune e di un'azienda

“Una giornata importante e una iniziativa che ha travalicato le consuete cerimonie circoscritte in luoghi e ambiti istituzionali, che ha lanciato nel mondo del lavoro un messaggio di amore e civiltà affinché inaccettabili violenze sulle donne non accadano mai più”. Così l’associazione Territorio in comune racconta l’iniziativa organizzata in collaborazione con un’azienda di Ponte a Egola di San Miniato in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ieri 25 novembre.

Complice il buio, l’azienda è stata completamente illuminata di un rosso intenso e l’intero staff aziendale, insieme a Ivano Vagnoli, si è riunito negli ampi locali della società per partecipare alla cerimonia, alla cui realizzazione ha contribuito anche l’associazione Territorio in comune, protagonista anche di un recente flash mob (qui).

Un centinaio le persone presenti, uomini e donne, tutti con le immancabili scarpe rosse o con una coccarda in pelle rossa, tutti intorno alla panchina rossa, simbolo della battaglia di civiltà per la eliminazione della violenza sulle donne. La cerimonia ha visto anche la partecipazione della vicesindaco Elisa Montanelli, che nello stesso giorno aveva partecipato all’intitolazione di una piazza per le Vittime di femminicidio (qui).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.