Gruppo Crédit Agricole, fondo da 10 milioni di euro a sostegno degli ucraini

Il gruppo esprime la sua solidarietà alle vittime del conflitto in Ucraina

Un fondo di solidarietà è stato lanciato dal gruppo Crédit Agricole a sostegno dei cittadini ucraini per affrontare l’attuale situazione di emergenza. Il fondo, a dimostrazione di un impegno coordinato a livello internazionale, dà la possibilità a tutti i dipendenti del gruppo di dare il proprio contributo.

Il fondo di 10 milioni di euro è sostenuto sia da Crédit Agricole Sa che dalle banche regionali di Crédit Agricole e sarà destinato in primo luogo ai bambini ucraini, così come ai dipendenti di Crédit Agricole Ucraina e alle loro famiglie. Il fondo di solidarietà è aperto al contributo volontario dei dipendenti e dei rappresentanti del gruppo in tutto il mondo a cui ognuno potrà contribuire, secondo i propri mezzi.

“Crédit Agricole esprime in modo concreto un segnale di vicinanza a tutto il popolo ucraino – dichiara il responsabile del Crédit Agricole in Italia, Giampiero Maioli -. I nostri colleghi in Ucraina continuano a lavorare dove possibile per assicurare i servizi a tutti i cittadini, anche in condizioni molto difficili. Questo fondo di solidarietà rappresenta un modo per affermare il valore della pace e dare il nostro contributo per affrontare questa gravissima emergenza umanitaria. Ringraziamo anche i colleghi delle nazioni vicine che stanno fornendo aiuto e ospitalità ai colleghi ucraini e alle loro famiglie che hanno dovuto lasciare il Paese”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.