Un calcio alla guerra, i bambini della Stella Rossa per la pace foto

"Sopra le teste dei bambini devono volare i palloni, non le bombe"

A loro non importa chi ha cominciato, l’importante è che si finisca subito. Perché, lo hanno scritto su uno striscione, “Sopra le teste dei bambini devono volare i palloni, non le bombe“. Con questa convinzione, i piccoli calciatori della società Stella Rossa di Castelfranco di Sotto hanno giocato per la pace ogni partita.

Nello scorso fine settimana, infatti, lo striscione con il simbolo della pace e le mani tese a formare una colomba è stato esposto ogni volta che una squadra è scesa in campo, per ricordare che i bambini devono colpire i palloni e non essere colpiti dalle armi. Perché il dovere di un bambino è giocare e non scappare.

Lo hanno detto come fanno i bambini: con tanti colori, un bel sorriso e tanta voglia di correre. Ma liberi in un mondo di pace.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.