Pet therapy in molti ospedali della Toscana. Giani: “Grazie ai nostri amici a 4 zampe”

Un aiuto per sentirsi meno soli e combattere l'ansia da ricovero presente anche in pediatria al Santa Chiara di Pisa

“La Toscana è stata una delle prime regioni a credere nella pet therapy in ospedale. Un importante strumento terapeutico capace di migliorare il benessere fisico e mentale dei pazienti, dai bambini agli anziani”.

È il commento del presidente della Regione, Eugenio Giani che aggiunge: “Grazie ai nostri amici a 4 zampe, continueremo sempre a sostenere questa esperienza!”

Nella regione la pet therapy è presente in quasi tutti gli ospedali: agli animali è riconosciuta la capacità di migliorare il benessere psicofisico dei pazienti. Che siano adulti, anziani, disabili o bambini iano essi bambini, adulti, anziani, disabili.

A Firenze, all’ospedale pediatrico Meyer,  i cani lavorano in tutti i reparto, mentre a Careggi gli amici a 4 zampe entrano persino in rianimazione. A Pisa, al Santa Chiara, negli ambulatori pediatrici, ci sono progetti sperimentali, cosi come alle Scotte di Siena.

La pet therapy è una sorta di aiuto sia per sentirsi meno soli sia per combattere l’ansia del ricovero.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.