Quantcast

In Toscana, 4 bimbi e due mamme ucraini foto

Il convoglio della Misericordia, partito da Firenze sabato scorso ha portato a Chisinau 34 pallets di aiuti umanitari

Più informazioni su

E’ già arrivato in Toscana il mezzo della Misericordia di Castelfiorentino con a bordo due mamme e quattro bambini ucraini soccorsi nell’ambito della missione che la Federazione delle Misericordie della Toscana ha portato a termine in Moldavia.

Il convoglio, partito da Firenze sabato scorso ha portato a Chisinau 34 pallets di aiuti umanitari (generi di prima necessità, medicinali, abiti per bambini, alimenti non deperibili); poi un furgone della Misericordia di Castelfiorentino ha preso a bordo due famiglie ucraine che avevano trovato rifugio in Moldavia ed è rientrato, più velocemente possibile, in Italia, arrivando stamani alle 9.30 a Firenze, mentre il tir che aveva trasportato la gran parte dei materiali, più lento, arriverà probabilmente domani.

I rifugiati hanno fatto tappa all’hub allestito dalla protezione civile alla Mercafir di Firenze, dove sono stati espletati gli adempimenti burocratici e sanitari, con il tampone anticovid, risultato per tutti negativo. Poi sono ripartiti, sempre con i volontari di Castelfiorentino a cui si è unito anche un mezzo della Misericordia di Poggibonsi, per Siena, dove saranno ospitati in una struttura messa a disposizione dal Comune di Siena, che si occuperà anche dell’accoglienza nelle prossime settimane.

La Federazione regionale delle Misericordie della Toscana aveva allestito questa missione, che di fatto è la più lunga fin qui condotta dalle Misericordie (oltre 2200 km), in stretta collaborazione con l’Ambasciata moldava di Roma, grazie all’interessamento del Console onorario della Repubblica di Moldavia a Firenze, dottor Alessandro Signorini.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.