C’è un nuovo Rotary in Valdarno, il presidente è di Santa Croce sull’Arno foto

Sono 37 i soci fondatori del nuovo club

La consegna della Carta costituiva ha aperto ufficialmente il cammino del nuovo Rotary club fondato nel Valdarno Inferiore. Un club che ha il suo cuore a Santa Croce sull’Arno ma che punta ad impegnarsi per tutto il comprensorio, grazie soprattutto all’ingresso di nuovi soci fondatori che mai prima d’ora avevano fatto parte della realtà rotariana. Si tratta del nuovo Rotary club Santa Croce Montopoli comprensorio del Cuoio, nato a tutti gli effetti mercoledì sera, 25 maggio, con la conviviale organizzata a Le Vedute, che ha visto la consegna della carta costituiva da parte del governatore del distretto 2071 Fernando Damiani.

Sono 37 i soci fondatori del nuovo club (il quarto attualmente attivo nel comprensorio), di cui solo alcuni hanno già fatto parte di altri club attivi sul territorio, mentre la maggior parte sono alla prima esperienza all’interno del Rotary International. Tra loro varie professionalità del mondo medico, bancario e soprattutto del tessuto imprenditoriale, che hanno scelto di aderire alla realtà di un club che dichiara di voler essere “moderno, agile, flessibile e aperto alle dinamiche del terzo millennio, anche offrendo esperienze e opportunità di service alternativi”. Il tutto con l’obiettivo di “valorizzare le città di Santa Croce e Montopoli e in generale il comprensorio del Cuoio”.

A guidare il nuovo club è il medico santacrocese Giorgio Bosco, conosciuto a Santa Croce anche come presidente dell’Associazione Carnevale, che resterà in carica per tutta l’annata rotariana che inizierà tra pochi giorni per concludersi a giugno 2023. Nel suo intervento alla conviviale di mercoledì, che ha visto la partecipazione di oltre 80 persone, il presidente Bosco ha toccato alcuni punti fondanti dello spirito rotariano quali l’amicizia, lo stare insieme, lo spirito di servizio e l’attualità, a cominciare dalla guerra in Ucraina e dall’ipotesi di creare un gemellaggio con un club Rotary del Paese est europeo.

Alla serata hanno preso parte anche i sindaci di Santa Croce, Montopoli, Fucecchio e Castelfranco di Sotto, nonché i presidenti di vari Rotary club delle province di Pisa e Firenze. Particolarmente apprezzati la presenza e l’intervento di monsignor Andrea Cristiani, fondatore del movimento Shalom, che ha portato il suo saluto e la sua benedizione al neonato club.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.