Concerie dismesse, Quirici: ‘Una politica decisa per favorire il riuso’

La sfida è quella di dotarsi di una strategia generale. Un piano complessivo per affrontare il problema annoso degli immobili dismessi, cominciando a pensare a strumenti concreti per favorirne il riuso, anziché continuare ad affrontare singoli casi con apposite varianti. È l’invito che la consigliera Fulvia Quirici di Ricostruiamo Santa Croce e Staffoli rivolge alla politica santacrocese.

Un tema toccato nell’ultimo consiglio comunale con una mozione presentata dalla lista di Ricostruiamo, a firma della stessa Quirici, nella quale si chiedeva all’amministrazione di mettersi in linea con la nuova normativa regionale per il recupero dei ruderi agricoli. “Per il nostro comune i casi che rientrano nella legge sono molto pochi – spiega Quirici – però questo può essere un primo passo per comicianre a sollevare il tema annoso dei ruderi dismessi che ormai attanaglia Santa Croce. La nostra richiesta è stata quella di adottare delle agevolazioni per cominciare a muoverci nella direzione imboccata dalla normativa regionale. In questo modo, può essere una sorta di ‘introduzione’ per cominciare a sollevare il tema delle concerie dismesse. Riteniamo, infatti, che debba essere studiato un progetto politico che agevoli il riuso di questi immobili, perché fino ad ora siamo andati avanti a colpi di varianti, ma si è trattato solo di ‘tappa buchi’. Adesso serve una politica decisa e forte, anziché continuare a mettere la polvere sotto il tappeto”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.