Quantcast

Scuolabus, nessuna risposta ai genitori: i Cinque Stelle scrivono al Prefetto

I consiglieri Cinque Stelle di Castelfranco tornano a scrivere al Prefetto. Ancora una volta per denunciare i ritardi nell’amministrazione nelle risposte o nella consegna dei documenti richiesti. Un problema non più solo politico – dicono gli esponenti del movimento – “ma nel quale stavolta sono incappati anche cittadini”. All’origine della nuova missiva in Prefettura, infatti, c’è la recente polemica per l’esternalizzazione del servizio scuolabus: una novità di fronte alla quale alcuni genitori hanno chiesto spiegazioni al sindaco Gabriele Toti all’inizio di maggio, senza ricevere risposta entro i tempi previsti”.

“Quelle sollevate dai genitori non problematiche insormontabili – dicono i Cinque Stelle – ma richieste forse facilmente risolvibili con un colloquio e delle rassicurazioni verbali. Una questione di normale amministrazione. Invece la lettera delle mamme è caduta nel vuoto e le stesse mamme sono state costrette a rendere pubblica la loro storia, lamentando di aver atteso un mese per una risposta mai pervenuta.
Chiediamo scusa ai genitori per l’assurdità del comportamento che hanno ricevuto e per la vanificazione delle loro speranze di dialogo. Chiediamoci se era così difficile dare una risposta alle richieste. Chiediamo cosa può aver impedito, in questo mese, di trovare il tempo per incontrare qualcuno di questi genitori e rassicuralo? Quali impegni hanno tenuto occupati il sindaco e la giunta, da non aver il tempo di una telefonata o di scrivere una mail per dire almeno che il problema è stato preso in carico?”
“La mancata risposta – prosegue la nota dei Cinque Stelle – è molto grave, soprattutto perché si parla di sicurezza dei bambini, e poi perché la richiesta arriva da dei genitori che affidano i loro figli al servizio di trasporto scolastico. A questo punto, saremo noi a chiedere al sindaco perché non ha risposto a questi genitori. In ogni caso riteniamo che questa questione sia stata affrontata nel modo sbagliato. Sfuggire il confronto rischia solo di aumentare il divario e rendere più complicata la situazione. Molte volte abbiamo sentito dire, che è importante segnalare i problemi in modo ufficiale. Aggiungiamo come sia ancora più importante far seguire una risposta a questa segnalazione. Insomma se da una parte si chiede ai cittadini di collaborare, l’amministrazione ha il dovere di rispondere. Purtroppo sempre più cittadini del Comune lamentano di aver fatto segnalazioni e di non vedere nessuna azione di risposta. Per questo la questione diventa sempre più grave a nostro avviso”.
“Spesso – ricordano i Cinque Stelle – siamo stati i primi a lamentare la mancanza di risposta da parte dell’amministrazione, tanto da dover ricorrere a Prefetto e Giudice di Pace ma pensavamo che fosse una questione politica. In ogni caso, nei giorni passati abbiamo presentato un esposto in procura per la mancata risposta e consegna di documenti. Il 18 giugno abbiamo scritto una lettera al prefetto segnalando la mancanza di risposte da parte della amministrazione e fra i casi segnalati abbiamo inserito anche la notizia della mancata risposta alla lettera delle mamme. Speriamo che almeno questa strada porti delle risposte.
Concludiamo dicendo che per provare a rispondere ad i dubbi sollevati dalle mamme sui requisiti di sicurezza degli autobus, il 13 giugno abbiamo richiesto i documenti della gara di affidamento del servizio. Il 19 giugno abbiamo ricevuto i documenti e adesso con i dati a disposizione, ci rendiamo disponibili a rispondere alle eventuali domande”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.