Pd, Federico Gelli nominato capo dipartimento sanità

Più informazioni su

“Ringrazio il segretario Matteo Renzi. Sono felice e onorato della fiducia che mi è stata accordata e che premia il lavoro svolto in questi anni”. Lo ha detto Federico Gelli dopo la nomina a capo dipartimento sanità del Partito Democratico. Gelli è l’unico toscano a capo di un dipartimento.

La segreteria di largo del Nazareno, guidata da Matteo Renzi, ha formalizzato gli incarichi alla guida dei nuovi dipartimenti che sosterranno il lavoro del gruppo dirigente nei prossimi mesi e il deputato pisano continuerà ad occuparsi di sanità, a partire dal decreto sui vaccini – di cui è relatore – che approderà mercoledì alla Camera.

“Ripartiremo – ha detto – da ciò che abbiamo costruito insieme con l’obiettivo di migliorare il sistema sanitario del nostro Paese. A partire dagli appuntamenti che ci vedranno impegnati già dalla prossima settimana, come il decreto vaccini, di cui sarò relatore alla Camera e attraverso le feste dell’Unità e gli altri incontri in programma quest’estate. Essere l’unico deputato toscano alla guida di un dipartimento mi dà ancora più responsabilità e motivazione per ricoprire al meglio questo ruolo. Auguro infine buon lavoro a tutti i componenti del nuovo esecutivo”.

Federico Gelli è anche presidente del Cesvot Toscana, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema di accoglienza e identificazione dei migranti e relatore per la Camera dei Deputati della legge “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, approvata in via definitiva dal Parlamento il 28 febbraio 2017.

I dipartimenti saranno composti da venti donne e venti uomini.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.