Curare tutti, le 10 sfide secondo Gelli per il diritto alla salute

Ci sono la sanità digitale, le liste d’attesa, l’estensione dell’obbligo vaccinale anche a insegnanti e operatori sanitari. Sono tra i 10 punti di Curare tutti. 10 sfide per il diritto alla salute, il libro intervista al responsabile sanità Pd Federico Gelli, in libreria dal 13 gennaio. Nel libro c’è la sanità del futuro in Italia secondo il medico impegnato in politica e gli obiettivi principali che dovrebbe porsi la prossima legislatura sulla sanità.

“Quel ‘curare tutti’ citato nel titolo è l’obiettivo fondamentale al quale miriamo, come Pd, mediante l’implementazione di una sanità pubblica, universale ed equa. Tra i diversi temi affrontati, anche alcune proposte più ‘radicali’ come quella sull’odontoiatria, un po’ la grande dimenticata del Ssn. Credo che siano maturi i tempi per avviare la programmazione di un intervento di natura pubblica nell’odontoiatria, con l’assunzione nel Servizio sanitario nazionale di un numero adeguato di odontoiatri, di tecnici di laboratorio odontotecnico e di altre figure professionali che operano in questo settore, da inserire nell’organico della sanità a livello specialistico ambulatoriale. Con questo, non solo garantiremo a migliaia di giovani un possibile sbocco professionale, ma riusciremo anche ad avviare un processo virtuoso di studio, di arricchimento culturale e di ricerca all’interno della sanità pubblica, articolando così un piano strutturato di prevenzione odontoiatrica. I relativi costi potranno essere gestiti dalle strutture pubbliche attraverso un’opera di attenta programmazione pluriennale. Anche questo, ovviamente, non potrà avvenire dall’oggi al domani, ma attraverso un’attenta programmazione concertata con gli Ordini professionali e con le Regioni”, spiega Gelli nel libro curato da Giovanni Rodriquez e edito da Clichy.

“C’è poi la proposta di abolire tutti i ticket riprendendo un percorso tracciato anni fa da un grande scienziato italiano prestato alla politica, Umberto Veronesi. Il ticket negli ultimi 20 anni si è di fatto trasformato, da strumento di calmierazione di comportamenti opportunistici, in una vera e propria tassa sulla salute e in una forma impropria di finanziamento. L’abolizione del ticket dovrà essere graduale e monitorata, da realizzarsi in un arco di tempo di tre anni, proprio come aveva in mente l’oncologo milanese”, conclude Gelli.

La prima presentazione è in programma il 23 gennaio a Firenze alle 18 all’Auditorium al Duomo alla presenza dell’assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.