Quantcast

Fusti pericolosi, CambiaMenti: “Malagestione dei rifiuti”

“In questi giorni abbiamo appreso con ansia e preoccupazione che a poche centinai di metri dal centro di Ponte a Egola sono stati rinvenuti 7500 litri di sostanze chimiche contenute in 30 fusti potenzialmente pericolosi e ricordiamo che sono in corso indagini in merito. Troviamo quindi moralmente discutibile che l’attuale amministrazione abbia potuto permettere l’apertura d’impianti per il trattamento di rifiuti pericolosi a pochi passi da scuole, futuri ospedali ed abitazioni”. Queste le parole del comitato CambiaMenti in merito alla questione ambientale e al ritrovamento di alcuni fusti contenenti materiale potenzialmente pericoloso a Ponte a Egola. 

“Un uso scriteriato e senza controllo ha prodotto negli anni una malagestione dei rifiuti di ogni origine, senza mai soffermarsi a pensare che ciò che consumiamo ed inquiniamo non è un bene riproducibile. Il sistema dei rifiuti si è trasformato in business ed è quindi stato gestito spesso solo come materia economica senza curarsi del vero impatto che avrebbe avuto sulla vivibilità delle nostre città e dei nostri territori. CambiaMenti ha deciso in tempi non sospetti, circa un anno fa, che nel programma elettorale i concetti di rigenerazione urbana, economia circolare, sostenibilità ambientale e sociale erano concetti basilari per un territorio che ha già speso molte sue risorse, ed anche perché convinti che questo sia il solo modo di creare una società più giusta ed equa”. 
“Pensiamo – continuano da cambiamenti – che la questione ambientale è ad oggi la sfida più importante che la società contemporanea deve assolutamente vincere per avere una chance di preservare l’ecosistema. Anche se fortemente preoccupati per una serie di fatti accaduti nel nostro Comune – continua il comitato – ribadiamo la nostra assoluta volontà di affiancare lo sviluppo economico in un percorso condiviso a sostegno dei valori ambientali e di sostenibilità al fine di migliorare la nostra qualità di vita ed aiutare le aziende ad essere sempre più competitive, ma rimaniamo vigili e pronti nel denunciare qualora si verifichino irregolarità o reati ambientali in maniera da difendere il diritto alla salute dei nostri cittadini”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.