Servizi assicurativi, gara nel mirino della Lega

I consiglieri attaccano: "La giunta non tiene conto della discussione in consiglio comunale"

Lega alla carica a San Miniato per la questione del pagamento della fidejussione Unipol di un milione e 86mila euro. Lo scorso settembre il gruppo consiliare della Lega pose alla attenzione della giunta e del consiglio comunale la situazione relativa ai servizi assicurativi “che vedeva una compagnia di assicurazione – spiegano – continuare ad essere annoverata fra i fornitori del Comune di San Miniato, nonostante che la normativa sugli appalti consenta una selezione dei soggetti fornitori che tenga conto di eventuali esperienze pregresse”.

“Nel mese di ottobre – prosegue la nota -, risultando in scadenza le coperture assicurative del Comune di San Miniato, è stata indetta una procedura di gara per l’affidamento dei servizi assicurativi del Comune per il periodo 30 novembre 2019 – 30 novembre 2022 per una base complessiva di gara di 528mila euro”.

“Nonostante la precedente ampia discussione avvenuta in seno al consiglio comunale sulla inopportunità di continuare ad avere rapporti con fornitori di servizi che avevano costretto l’azienda Farmacie Comunali ad 8 anni di contenzioso legale chiuso solo nell’aprile 2019 con un componimento bonario ma senza il riconoscimento della fondatezza delle avverse pretese che ha comportato per le casse pubbliche un danno valutabile in circa 700 mila euro – aggiungono -, il Comune in occasione della nuova gara non ha tenuto in nessun conto le osservazioni emerse in Consiglio comunale a tutela degli interessi dei cittadini. La gara che riguarda i servizi assicurativi del prossimo triennio non contiene nessun elemento, legalmente possibile, che consenta di valutare le offerte anche in base ad esperienze pregresse che possano illuminare la qualità della offerta, e quindi poter escludere quei soggetti che in passato sono risultati inadempienti”.

“Non sappiamo quale sarà il risultato della gara – scrivono i consiglieri comunali della Lega, Roberto Ferraro, Beatrice Calvetti e Federico Gregorini -, ma qualora la compagnia assicurativa in passato resasi fortemente inadempiente dovesse nuovamente essere annoverata fra quelle utilizzate dal Comune di San Miniato nessuno potrà affermare che si è tenuto conto degli interessi dei cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.