Caso Strada di Patto, Potere al Popolo preoccupata

"Ci rammarichiamo che l’Amministrazione non abbia mai pensato di cercare internamente una qualche responsabilità"

“Apprendiamo dell’indagine della Procura della Repubblica su tre dipendenti del Comune di Pontedera per truffa aggravata ai danni dello stato, falsità ideologica e abuso di ufficio, attività investigativa che riguarda la vicenda della cosiddetta Strada di Patto. Questi fatti ci obbligano a una riflessione e a esprimere preoccupazione sulla gestione di questa vicenda”.

Lo dice Potere al Popolo Valdera e provincia di Pisa che ricostruisce la vicenda. “I lavori – spiegano – cominciano nel 2009 e solo nel 2016 il Comune di Pontedera compie un atto di tutela instaurando un procedimento per Accertamento Tecnico Preventivo che si conclude nell’estate del 2017 con il deposito della Relazione Conclusiva, che di fatto quantifica il danno ma che non individua nessun responsabile: costo del giudizio per la collettività oltre 50mila euro e la strada rimane chiusa.

Successivamente, il Comune di Pontedera instaura una causa di merito richiamando in causa le stesse parti del procedimento del 2016 e non coinvolgendo in nessuno dei due giudizi gli unici soggetti che, ad avviso della Procura della Repubblica, stante le gravi ed evidenti incongruenze che emergono dagli stati di avanzamento e dalle voci di spesa, sarebbero responsabili dei gravi reati sopra citati.

Alla luce di questi eventi, ci rammarichiamo del fatto che l’Amministrazione non abbia mai pensato di cercare internamente una qualche responsabilità e anche che oggi, dopo la notizia di dipendenti coinvolti in sospette attività illecite e di tale gravità, questi non siano stati messi, in attesa del giudizio, in una posizione ‘neutra’ là dove non possano eventualmente continuare il presunto malaffare. Anzi, addirittura lo stesso Comune si dichiara ignaro e parte lesa anche quando le evidenze di cui all’indagine sono palesi e documentate nelle contabilizzazioni, atti che che gli amministratori avrebbero dovuto controllare per vigilare sull’uso del danaro pubblico. Anche noi ci auguriamo che venga fatta piena luce sulla vicenda strada di Patto”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.