“Fare troppi investimenti non può essere una critica”, Parrella sulle ex scuole

la sindaco di Santa Maria a Monte commenta la posizione dell'opposizione di centro sinistra

“Noi recuperiamo un’area fatiscente, in abbandono da anni, non c’è un’area simile in un’altra zona del nostro comune”. Lo precisa la sindaco di Santa Maria a Monte Ilaria Parrella sul progetto del centro Zero Centoventi nelle ex scuole di San Sebastiano.

Riguardo a questo, il consiglio comunale dell’11 febbraio ha approvato con il voto della maggioranza, l’astensione della Lega e con il voto contrario della lista Santa Maria a Monte di Tutti il programma delle opere pubbliche che contiene anche questo progetto. “Sorprende – dice Parrella – la miopia del gruppo di Santa Maria a Monte di Tutti che dice no ad un progetto innovativo che mira a far incontrare le generazioni: bambini, giovani disabili, anziani e recuperare un’area fatiscente che costituisce una ‘ferita’ nel nostro territorio.

Il no del centrosinistra viene motivato da eccessivi investimenti concentrati sul centro storico. Se fare troppi investimenti è una critica speriamo vivamente di farne ancora molti. Per noi il nostro territorio è formato da diverse località, ognuna con la propria peculiarità e compito di una buona amministrazione è valorizzare proprio le peculiarità per fare di ogni diversità una ricchezza al fine di formare un disegno complessivo del territorio che miri a migliorare la qualità della vita di tutti.

La posizione di Santa Maria a Monte di Tutti è a dir poco incomprensibile e incoerente. Abbiamo assistito ad un  dibattito decennale delle precedenti amministrazioni, a guida proprio Pd, che ha basato per anni scelte e bilanci proprio sul rilancio del centro storico circa 20 milioni di investimenti proprio sul centro storico senza realizzare mai nulla. Oggi che questa Amministrazione ha concretizzato il recupero degli ex macelli, la riqualificazione della piazza della Vittoria e dà il via al recupero dell’area delle ex scuole di San Sebastiano, il Pd vota contro. Quando il progetto del recupero era affidato al consorzio Etruria invece gli investimenti erano giudicati necessari e irrimandabili”.

Il recupero, sottolinea ancora Parrella, “ha lo scopo di costruire un centro per le categorie sociali e per tutte le età dove il confronto intergenerazionale e le persone saranno al centro delle varie attività. Il progetto prevede in quegli spazi la sede della biblioteca comunale, una ludoteca e spazi diurni per giovani e anziani, ma anche posti letto per anziani autosufficienti e per i disabili. Questa la nostra proposta per una comunità che cresce, cambia e che ha bisogno di nuovi spazi per incontrarsi, per confrontarsi e per crescere insieme”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.