Striscioni CasaPound in Toscana: “I virus non hanno colori. La pericolosità sì”

"Il Pd non perde mai occasione per dimostrare la propria scarsa lungimiranza e la propria inadeguatezza di governo"

Enrico Rossi, i virus non hanno colori. La pericolosità sì: il tuo”. È questo il testo degli striscioni affissi in tutte le maggiori città della Toscana dai militanti di CasaPound, in aperta contestazione con la gestione dell’emergenza coronavirus da parte del Governatore della Toscana.

“La gestione della vicenda da parte di Rossi”, spiega in una nota CasaPound Toscana, “lascia esterrefatti, perché dilettantesca e faziosa. E’ dilettantesca perché Rossi ha, non sappiamo quanto volutamente, sottovalutato il problema nella fase in cui dovevano essere prese le prime importanti misure di profilassi e quarantena, nonostante sul territorio da lui amministrato viva la più importante comunità cinese d’Italia e nonostante i richiami del virologo Roberto Burioni, suo compagno di partito. E’ talmente dilettantesca che, persino ieri, dopo che l’epidemia era già esplosa in diverse zone del territorio italiano il governatore Rossi continuava a dare numeri a caso, come quando ha parlato di 1.300 persone rientrate dalla Cina sottoposte a sorveglianza attiva mentre, in realtà, lo stesso Rossi aveva parlato nei giorni scorsi di almeno 2.500 cittadini di origine cinese rientrati dalla madre patria”.

“C’è solo da sperare – spiega ancora CasaPound – che la situazione venga gestita da tecnici esperti e competenti e non da politici imbevuti di dogmi ideologici. Nel frattempo, a completamento di un quadro ancor più allarmante della situazione, rileviamo pure la carenza di mascherine nelle farmacie e negli ospedali, mentre il sindaco di Firenze ne ha donate 250mila alla Cina non più di un mese fa. Il Pd non perde mai occasione per dimostrare la propria scarsa lungimiranza e la propria inadeguatezza di governo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.