“E’ un atto di responsabilità”: Comunità e Territori non partecipa al voto sul bilancio

Il gruppo di minoranza in consiglio provinciale lamenta di aver avuto solo 5 giorni per studiare i documenti

“Come gruppo di minoranza abbiamo ricevuto la documentazione solo il 26 marzo, ovvero solo 5 giorni fa e, considerando l’importanza della discussione, senza un percorso preliminare, abbiamo deciso di non partecipare al voto”. Nonostante i consiglieri del gruppo Comunità e Territori Johann Bontà, Annalisa Cammellini, Virginia Mancini, Fernando Profeti abbiano partecipato, pur in video conferenza, al primo consiglio provinciale dell’anno con all’ordine del giorno l’approvazione del Documento Unico di Programmazione e Bilancio di Previsione finanziario 2020 – 2022 che si è tenuto ieri 1 aprile.

“Premesso – spiegano i consiglieri – che la scadenza del termine di approvazione del bilancio, già 30 aprile 2020, ha subito una proroga per effetto del Cura Italia, con data ultima il 31 maggio 2020, esprimiamo la nostra insoddisfazione di fronte ad una forzatura politica della maggioranza, qual è l’anticipazione dei tempi di approvazione, in un momento in cui è necessario condividere e conciliare prima di approvare atti per la collettività senza un approfondimento del caso”.

I consiglieri del gruppo di minoranza considerano “il diritto di voto come atto di responsabilità nei confronti della comunità e nello spirito di democrazia abbiamo ritenuto doveroso non esprimerci, proponendo un ulteriore consiglio per l’approvazione del bilancio. A questa nostra proposta non è stato dato seguito positivo. La maggioranza, a nostro parere irresponsabile, aveva il compito di coinvolgerci ed informarci sulla loro operatività in quanto è dal 27 dicembre 2019 che non abbiamo più loro notizie, se non l’ultima mail di pochi giorni fa.

Ci hanno definito ‘incoscienti’ per non aver partecipato al voto di un bilancio che merita dei giusti tempi per essere analizzato con la giusta attenzione. Nella considerazione del largo anticipo sulla tabella di marcia, abbiamo ritenuto opportuno, anche per rispetto dei singoli Comuni della Provincia che stanno affrontando nelle loro sedi un’emergenza sanitaria e un impegno di assoluta attenzione per bisogni essenziali, in particolar modo per le fasce più deboli della popolazione, chiedere il rinvio dell’approvazione del bilancio ad altra data.
Come consiglieri comunali in primis e come consiglieri provinciali abbiamo ritenuto attenzionare la nostra volontà dando, attraverso questa comunicazione, una trasparente analisi dei fatti di stamane”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.