Forza Italia, dopo Mugnai anche Claudio de Santi si dimette: “Stella capolista una scelta calata dall’alto”

“Non ha mai smentito le voci di un passaggio prima a Italia Viva e poi alla Lega”

“Solidarietà a Stefano Mugnai, lascio i miei incarichi in Forza Italia”. Così esordisce Claudio de Santi, coordinatore dei dipartimenti di Forza Italia Firenze – grande città e membro della giunta esecutiva del coordinamento cittadino del partito. Il tutto, a poche ore dall’annuncio dell’onorevole Stefano Mugnai di rassegnare nelle mani del presidente Silvio Berlusconi le dimissioni dalla carica di coordinatore regionale toscano di Forza Italia, “per la scelta fatta dal livello nazionale in ordine a una capolistura, che poi sarebbe quella di Marco Stella nella circoscrizione di Firenze, avvenuta a sorpresa dopo che a lungo era stata data per scontata la posizione al numero uno della lista dei candidati azzurri fiorentini alle prossime elezioni regionali da parte di Jacopo Cellai, coordinatore cittadino e capogruppo in Palazzo Vecchio, a cui va tutto il mio sostegno e la mia stima”.

“La mia solidarietà per Stefano Mugnai è totale – commenta de Santi – specie quando lui stesso parla di ‘un gesto dovuto verso i nostri militanti e dirigenti che si sono trovati di fronte ad una decisione poco comprensibile’. Ricordo che lo stesso Stella, coordinatore cittadino uscente, non si presentò per il passaggio delle consegne in maniera inopinata e irriverente al momento della elezione di Jacopo Cellai in quel ruolo nello scorso novembre, e ricordo soprattutto le voci che si sono rincorse sulla stampa sulle ipotesi di un suo passaggio dapprima ad Italia Viva, poi addirittura a fianco di Eugenio Giani e infine con la Lega, tutte mai da lui smentite personalmente. La mia etica politica e personale fa fatica a comprendere certi slalom, quando fino ad oggi in Toscana a livello dirigenziale abbiamo prodotto uno sforzo molto importante per ricostruire e consolidare i valori politici e morali che hanno da sempre contraddistinto Forza Italia come punto di riferimenti insostituibile per i moderati di centro destra”.

“E pensare che – aggiunge Claudio de Santi – io stesso, che avevo ricevuto insistenti richieste per essere candidato alle regionali nella circoscrizione di Livorno e provincia, pur essendo stato già candidato al Senato nel 2018 nel collegio Toscana 2, sindaco uscente di un comune dell’isola d’Elba oltre che fautore della riunificazione di due comuni isolani ed ex assessore del capoluogo Portoferraio, mi sono ritirato dalla capolistura per rispettare la volontà del coordinamento, mentre qui a Firenze la scelta, caduta dall’alto, è stata diametralmente opposta. Evidentemente sono stati messi in atto due pesi e due misure, provocando una situazione incomprensibile per i militanti e i simpatizzanti di Forza Italia”.

“Faccio comunque i miei migliori auguri ai candidati del mio partito – conclude Claudio de Santi – auspicando per Forza Italia un ottimo risultato nella prossima tornata elettorale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.