Santa Maria a Monte, il direttore artistico del teatro candidato a consigliere comunale di Cascina

Nella lista civica Cristiano Masi sindaco

Nella lista civica Cristiano Masi sindaco, al consiglio comunale di Cascina, è candidato Franco Di Corcia jr. L’anima eclettica dei Pensieri e Teatro di Bo’ ha accettato senza tentennamenti questa nuova sfida. “In questo periodo storico – ha detto – così particolare dove sembra regnare solo l’odio e la paura, ripartire dalle Comunità per costruire una convivenza civile felice è dovere di tutti. Per un artista poi è naturale metterci la faccia per scrivere un racconto nuovo e utile”.

Nel presentare la sua candidatura al consiglio comunale di Cascina, il candidato a sindaco Cristiano Masi dice “ Franco è una persona che mette passione e amore in tutto con una forza coinvolgente”. Di sé racconta: “Mi chiamo Franco Di Corcia jr e ho 52 anni. Sono nato in Svizzera da genitori meridionali (Campania) e vivo in Toscana dal 1974.

Il mio lavoro oltre che la mia passione è il teatro. Negli ultimi 20 anni porto ‘la mia visione del mondo’ nelle Scuole, nei Centri della Disabilità, nelle residenze di Salute Mentale e nei centri diurni della psichiatria. Uso il Teatro come linguaggio artistico e culturale per trasmettere soprattutto alle nuove generazioni la memoria civile del nostro Paese.
Sono per l’inclusione, con questa combatto l’omofobia e il razzismo, perché sono fantasmi della solitudine culturale e spesso sono generate dalla rabbia di non conoscere e conoscersi, io non giudico, non serve, cerco di far emergere la parte migliore sia in me che negli altri.

Dal 2014 sono il direttore artistico del Teatro Comunale di Santa Maria a Monte. Insegno ai miei allievi ‘a metterci la faccia’ sempre ed è per questo che ho accettato l’invito di Cristiano Masi di far parte della sua squadra. Con entusiasmo mi candido al consiglio comunale di Cascina per dare voce a concetti quali fiducia (nelle proprie capacità, nelle persone, nelle istituzioni), accoglienza (costruzione di una dimensione dove tutti possono sentirsi a casa e non giudicati), speranza soprattutto per i giovani: a loro bisogna dare strumenti per costruire una vita felice. A guidarmi in questa nuova avventura è l’amore per le persone e le loro comunità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.