Geotermia, Morani a Larderello: “Gli incentivi sono stati ripristinati” foto

"Subito dopo il tema sarà quello delle concessioni"

“Il Fer2 c’è, gli incentivi sono stati ripristinati, il testo è stato modificato in senso migliorativo rispetto a quello che aveva presentato il governo giallo verde un anno e mezzo fa e mancano ormai solo gli ultimi passaggi tecnici e la notifica alla commissione europea. Si parla di qualche settimana e poi finalmente saremo riusciti a chiudere questa ferita dolorosa e, sono convinta, a ridare una prospettiva di crescita e sviluppo prima di tutto a questo territorio”.

Ad annunciarlo, a Larderello, è stata la sottosegretaria allo sviluppo economico con delega specifica proprio alla geotermia Alessia Morani che è stata accompagnata dal consigliere regionale Antonio Mazzeo a visitare dapprima la centrale di Enel Green Power e quindi ad incontrare un gruppo di imprenditori del settore prima di partecipare a un incontro pubblico con i cittadini della zona.

“Quella sulla geotermia – ha ricordato Mazzeo – è una battaglia che abbiamo portato avanti con forza in questi anni perché sappiamo bene quanto questo settore sia strategico e nevralgico per la Val di Cecina. Qui ci sono oltre 40 imprese, 1500 dipendenti e 6mila famiglie che vivono di quella che è una vera e propria risorsa e non possiamo permetterci che questo territorio ne faccia a meno. Per questa ragione, dal momento in cui le è stata affidata la delega specifica, ho chiesto insistentemente alla sottosegretaria Morani che si facesse carico del problema e non posso che ringraziarla per essere venuta qui, oggi, a metterci la faccia di fronte a chi da anni chiede risposte”.

Morani e Mazzeo, tra l’altro, hanno affrontato anche il tema delle concessioni. “È evidente – hanno detto – che un minuto dopo che gli incentivi saranno stati ufficialmente ripristinati il tema da affrontare sarà quello. E sarà importantissimo che Regione e Governo possano marciare nella stessa direzione perché tutto questo sia strettamente collegato al lavoro delle imprese e allo sviluppo di questo territorio nel massimo rispetto dell’ambiente”.

“Mentre Ceccardi e la Lega – per la consigliera regionale e capolista Pd in provincia di Pisa Alessandra Nardini – pensavano alla propaganda e a bocciare le risorse europee, il Pd e il Governo hanno lavorato a sanare un grave errore del Governo precedente, ossia l’eliminazione della geotermia dalle fonti rinnovabili da poter incentivare. È una vittoria anche per la nostra lotta, come Regione e come Pd locale, perché siamo sempre stati al fianco dei territori geotermici, dei lavoratori, degli amministratori e dei comitati per difendere una produzione sostenibile, da cui dipendono il futuro di migliaia di famiglie e la sopravvivenza demografica di interi territori in Val di Cecina e in Toscana”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.