“La Toscana sceglierà di continuare il percorso intrapreso”, Letta e De Micheli a San Miniato Basso per sostenere Nardini e Pieroni foto

Un pomeriggio per affrontare temi pratici e pensieri ideologici sul futuro della Toscana

Venerdì 18 settembre alla Casa Culturale di San Miniato Basso Alessandra Nardini e Andrea Pieroni, i due candidati consiglieri per il Partito democratico alle elezioni regionali del 20 e 21 settembre, insieme all’ex presidente del Consiglio Enrico Letta e alla ministra alle Infrastrutture Paola De Micheli hanno parlato davanti a un centinaio di persone sull’arrivo testa a testa di queste regionali: “E’ vero – ha detto l’ex presidente del consiglio Enrico Letta -, ci sono pochi punti percentuali tra i due candidati Giani e Ceccardi, ma sono convinto che la Toscana sceglierà di continuare il percorso intrapreso e non di andare nelle braccia della Lega”. Poi prosegue: “si parla di idee completamente diverse e non mi pento di dire che questa è una scelta basata su una questione di civiltà“.

In questa campagna elettorale minata all’emergenza Covid, che l’ha resa anomala e più incentrata sui media, si è comunque deciso di parlare direttamente alle persone, concludendo in queste ore una serie di incontri sul territorio: “La Toscana – ha detto il sindaco Simone Giglioli – è un bene prezioso che non possiamo lasciare nelle mani di chi è interessato a piantare solo una bandierina, a chi non gliene importa niente della Toscana”. Giglioli, come padrone di casa, ha salutato i presenti ricordando la figura di Eugenio Giani, concittadino di San Miniato.

Durante il convegno sono intervenuti direttamente i due candidati regionali Pieroni e Nardini, che hanno sottolineato quanto quest’anno sia più complesso rispetto alle elezioni di 5 anni fa perché “il Pd era coeso e con oltre il 40per cento di consensi mentre il centro destra diviso, cosa completamente diversa a questa tornata”. Hanno parlato dell’importanza della sanità pubblica, degli investimenti nelle infrastrutture per continuare a far crescere la Toscana e all’importanza della collaborazione tra istituzioni e imprenditori.

Infine, la ministra alle infrastrutture De Micheli ha concluso portando all’attenzione una serie di progetti e di investimenti, già fatti e che verranno attuati nei prossimi anni, soprattutto per quanto riguarda le province toscane, con la FiPiLi e l’aeroporto di Pisa in primo piano, insieme agli investimenti aeroportuali a Livorno, alla Darsena e la stazione dell’alta velocità di Firenze. “Chiederemo alle province progetti esecutivi e definitivi per poter finanziare opere speciali“.

A margine dell’incontro, Pieroni ha voluto commentare i dati sull’export pisano diffusi oggi (qui). “Sono – ha detto – a dir poco preoccupanti e sono la conferma che servono concretezza e  decisioni rapide. I fondi dell’Unione europea sono la grande occasione per salvare i settori più in crisi e poter impostare una ripresa. Penso in particolare al comprensorio del cuoio, che rappresenta un comparto trainante, punto di riferimento per avanguardia e innovazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.