Casi Covid a San Miniato, CambiaMenti chiede una “comunicazione completa e aggiornata”

La richiesta di dati dettagliati su base comunale “per evitare allarmi ingiustificati”.

“Ci sono focolai o aree di diffusione particolarmente intensa del contagio nelle diverse aree del nostro comune? Qual è il totale dei contagiati a partire dalla metà di settembre? Quale la percentuale dei positivi sui tamponi processati?”. Chiede dati precisi e puntali, scorporati su base comunale e microterritoriale Manola Guazzini, consigliera di CambiaMenti in consiglio comunale a San Miniato.

“Di fronte ai dati sulla diffusione del contagio – ha scritto Guazzini in una lettera indirizzata al presidente del consiglio comunale e al sindaco Simone Giglioli – che si ricavano a volte dalla stampa, a volte da informazioni che circolano oralmente in modo casuale, a volte da informazioni che provengono dall’amministrazione comunale ma esclusivamente nella forma di WhatsApp sul numero giornaliero dei tamponi positivi, chiedo che il consiglio comunale, nella sua prima seduta utile, in qualunque forma essa sarà prevista, abbia come primo punto all’ordine del giorno una comunicazione che chiarisca alcune cose”.

Tra queste, “la percentuale, tra i positivi, degli asintomatici, dei lievemente sintomatici, dei ricoverati nei reparti Covid e dei ricoverati in terapia intensiva e le condizioni di sicurezza della sede comunale ai fini dello svolgimento delle attività istituzionali nel rispetto delle normative vigenti in materia di distanziamento interpersonale e di uso dei dispositivi di sicurezza individuale”.

“Una comunicazione completa – conclude Guazzini -, aggiornata, di fonte ufficiale mi sembra indispensabile, anche per evitare il diffondersi di allarmi ingiustificati, resi per altro possibili anche dalle notizie, che ovviamente hanno avuto ampia diffusione, sulla positività al Covid del sindaco”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.