Cimiteri, la Lega di San Miniato: “Il Comune non dà risposte”

I consiglieri del Carroccio: "Dal rispetto per i defunti si misura il grado di civiltà di una società"

Più informazioni su

Cattiva gestione dei servizi cimiteriali. La denuncia, giorni addietro, è stata fatta dal gruppo Lega di San Miniato.

“Abbiamo segnalato il cattivo stato di manutenzione nonché la mancata accensione delle luci votive – spiegano i politici leghisti della cittadina – Abbiamo fatto presente quanto la cittadinanza versa annualmente al Comune per la gestione dei servizi cimiteriali: la bellezza di 800 mila euro! Il nostro era un invito all’ amministrazione affinché si adoperasse in tempi brevi a risolvere i problemi”.

“Non ci saremmo mai aspettati di trovare ancora altre situazioni di degrado – proseguono – Al cimitero di Stibbio da giorni c’è un divieto di accesso, con tanto di fettuccia colorata bianco-rossa, ad una zona dei forni, causa alcuni marmi instabili e pericolosi. Questo conferma quanto ci sia poco interesse da parte del Comune verso i reclami dei cittadini che evidentemente rimangono inascoltati. Si resta perplessi dal modo semplicistico con il quale il Comune intende risolvere la questione di Stibbio ricorrendo alla affissione di un cartello “scaricabarile” con il quale si invitano i concessionari ad effettuare le adeguate manutenzioni”.

“È  cosi che si viene incontro alle istanze dei cittadini affinché i cimiteri tornino ad essere luoghi decorosi? – chiedono – Il Comune avrebbe dovuto adoperarsi rapidamente in prima persona dando incarico ad una ditta di risolvere il problema e poi, successivamente, agire nei confronti di eventuali responsabili, in virtù anche del fatto che sono ormai prossimi i giorni dedicati ai defunti ed è inammissibile privare i cittadini della possibilità di poter lasciare in tutta sicurezza un fiore ai propri cari. Non dovrebbe essere minimamente necessario ricordare che dal rispetto per i defunti si misura il grado di civiltà di una società“.

“Vista l’emergenza Covid – concludono – cogliamo l’occasione per chiedere al Comune quali saranno, se ci saranno, le procedure per l’accesso in sicurezza ai cimiteri. Gli accessi saranno contingentati? Ci sarà un tempo massimo di permanenza? Sarà obbligatorio sanificare le mani? Confidiamo che il Comune comunichi nei modi e nei tempi utili le cautele che saranno adottate, nella speranza che la presenza di una fettuccia colorata non debba prevedere l’intervento di una task force per la sua rimozione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.