Quantcast

“Stessa dignità del capoluogo”, Cicala chiede telecamere al cimitero di Staffoli

I furti "per gli staffolesi stanno diventando, quasi, una cosa normale"

Telecamere al cimitero di Staffoli perché “Siamo stufi, vogliamo i fatti”. L’appello è di Benedetta Cicala, consigliere comunale di Per un’altra Santa Croce, dopo che le sono stati raccontati altri furti al cimitero di Staffoli di santa Croce sull’Arno. “Sono indignata – dice – e non se ne può più”.

Stando alle ultime segnalazioni, infatti, “sono stati portati via alcuni oggetti, che magari possono sembrare anche di poca importanza, ma il loro valore è enorme per coloro che hanno scelto di portare qualcosa in dono ai defunti cari e di cui sentono la mancanza. Questo proprio nel periodo dell’anno dedicato al loro ricordo. Ma è possibile che si scelga di andare a derubare le tombe di persone defunte? È possibile che si debba aver il timore di subire furti nel luogo dove andiamo per sentirci vicini a chi non è più fra noi (seppur fisicamente)?

Purtroppo non si tratta di una novità e la cosa che più fa arrabbiare è che per gli staffolesi sta diventando, quasi, una cosa normale. Questi furti si presentano periodicamente come una sorta di schema che si ripete.
Io e Marco Rusconi, in qualità di consiglieri comunali, oltre ad aver presentato un’interpellanza su questo argomento con gli altri consiglieri del gruppo del gruppo Per un’altra Santa Croce, siamo già usciti pubblicamente su questo tema lo scorso maggio.

L’amministrazione comunale ha risposto che, grazie a un bando regionale, avrebbe installato le telecamere in alcuni luoghi di Santa Croce e forse a Staffoli. Chiedo, anzi voglio, che quel forse sparisca e che siano installate le telecamere anche al cimitero della nostra frazione perché Staffoli deve avere pari dignità del capoluogo. E che quel ‘si stava valutando la possibilità di’ si trasformi in un ‘abbiamo provveduto a’. Siamo stufi, vogliamo i fatti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.