Quantcast

Consiglio regionale, insediate le commissioni: Pieroni vicepresidente della Controllo foto

Nominato anche il portavoce dell’opposizione: Marco Landi della Lega

Si sono insediate le commissioni in consiglio regionale: Andrea Pieroni, consigliere del Partito democratico per la provincia di Pisa sarà vicepresidente della commissione Controllo e membro della Seconda. Il presidente è Alessandro Capecchi, di Fratelli d’Italia. La prima, Affari istituzionali, programmazione e bilancio, avrà come presidente Giacomo Bugliani (Pd), la seconda, Sviluppo economico e rurale, sarà presieduta da Ilaria Bugetti (Pd). Enrico Sostegni (Pd) sarà presidente della terza, Sanità e politiche sociali, Lucia De Robertis (Pd) guiderà la quarta, Territorio, ambiente, mobilità, infrastrutture e Cristina Giachi (Pd)
presiederà la quinta, Istruzione, formazione, beni e attività culturali. Per la commissione Politiche europee il presidente sarà Francesco Gazzetti (Pd), vicepresidente Giovanni Galli (Lega), vicepresidente segretario Anna Paris (Pd).

“Uno spazio di lavoro ampio e intenso – afferma Pieroni -, dal quale elaborare risposte concrete alle tante, troppe sofferenze di un sistema economico colpito duramente dall’emergenza Covid. Un sistema da preservare perché la risposta non può prescindere dalla tenuta della capacità produttiva del tessuto industriale della Toscana, leader mondiale in molti comparti”.

Si sono insediate queste mattina (12 novembre) in Consiglio regionale le commissioni consiliari. La prima commissione, Affari istituzionali, programmazione e bilancio, è composta di otto membri, cinque di maggioranza e tre di opposizione. Per la maggioranza ci sono Giacomo Bugliani (Pd), Valentina Mercanti (Pd), Gianni Anselmi (Pd), Massimiliano Pescini (Pd), Stefano Scaramelli (Italia viva). Per la minoranza Francesco Torselli (FdI), Marco Casucci (Lega), Elisa Tozzi (Lega).

Giacomo Bugliani è stato eletto presidente, Elisa Tozzi vicepresidente, Valentina Mercanti vicepresidente segretario, con voto favorevole all’unanimità di tutti i componenti. Per l’elezione serviva, alla prima votazione, una maggioranza dei tre quinti dei membri. Il presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo ha rivolto gli auguri di buon lavoro alla neonata compagine, così come ha fatto con ognuna delle Commissioni insediate oggi.

La prima commissione ha, nel dettaglio, competenza sulle materie come affari istituzionali generali, ordinamento degli uffici e personale, autonomie locali, enti dipendenti, disciplina generale degli organismi istituzionali presso il Consiglio, disciplina generale delle nomine e partecipazioni regionali, programmazione, bilancio, finanze e tributi, demanio e patrimonio.

La seconda commissione, Sviluppo economico e rurale, è composta di nove membri, cinque di maggioranza e quattro di opposizione. Per la maggioranza Ilaria Bugetti (Pd), Mario Puppa (Pd), Marco Niccolai (Pd), Andrea Pieroni (Pd), Anna Paris (Pd). Per la minoranza Irene Galletti (Movimento 5 stelle), Vittorio Fantozzi (FdI), Marco Stella (Fi), Elena Meini (Lega).

Ilaria Bugetti è stata eletta presidente, Vittorio Fantozzi vicepresidente, Mario Puppa vicepresidente segretario, con otto voti favorevoli su nove. Contraria si è dichiarata Irene Galletti, che ha motivato il suo voto sfavorevole “a causa della modalità scelta per la composizione delle commissioni e non contro la collega Bugetti”. Galletti, augurando in bocca al lupo alla presidente e a tutti i commissari, ha sottolineato che “in passato, pur da posizioni diverse, abbiamo sempre trovato un punto di accordo. Mi auguro continuerà così con la collaborazione tutti”. Complimenti a Ilaria Bugetti sono stati rivolti da Marco Stella: “E’ una collega che conosco, stimo e che ha fatto un buon lavoro nella scorsa legislatura” ha detto. Bugetti ha ricambiato i complimento ricordando che “Stella ha sempre mostrato collaborazione e sono certa che sarà ancora così”. “La nostra Commissione dovrà affrontare una gamma di temi molto ampia, in un momento particolarmente difficile – ha commentato -. Spero in una grande coesione e nel perseguimento di obiettivi comuni nel rispetto delle singole sensibilità politiche”.

La seconda commissione ha competenza sulle materie di sviluppo rurale, agricoltura e agriturismo, zootecnia, prodotti agroalimentari, foreste, demanio e patrimonio agricolo-forestale, attività faunistico venatoria, pesca e acquacoltura, imprenditoria, sistema cooperativo, artigianato, commercio, industria, turismo, cave e torbiere, acque minerali e termali, politiche del lavoro e dell’occupazione, cooperazione dello sviluppo, energia, bonifica ed irrigazione.
In Terza commissione, Sanità e politiche sociali, i membri saranno otto: cinque consiglieri di maggioranza e tre di opposizione. Per la maggioranza: Enrico Sostegni (Pd), Andrea Vannucci (Pd), Vincenzo Ceccarelli (Pd), Federica Fratoni (Pd), Donatella Spadi (Pd). Per la minoranza: Diego Petrucci (FdI), Giovanni Galli (Lega), Andrea Ulmi (Lega).

La terza commissione avrà come presidente Sostegni, come vicepresidente Ulmi, come vicepresidente segretario Vannucci, eletti con voto unanime. “In questo momento così duro – ha affermato Ulmi – vogliamo collaborare in maniera fattiva: le nostre proposte alla maggioranza saranno stringenti”. “Questo spirito di collaborazione è positivo – ha commentato il presidente del Pd – perché è utile affrontare insieme questa fase critica”. “Auguri di buon lavoro” sono stati espressi dal presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo: “questa commissione è importantissima, per il momento difficile e critico che stiamo vivendo”, ha affermato.

La Quarta commissione, Territorio, Ambiente, Mobilità, Infrastrutture, sarà composta da sette membri: quattro di maggioranza e tre di opposizione. Per la maggioranza: Lucia De Robertis (Pd), Cristiano Benucci (Pd), Francesco Gazzetti (Pd), Fausto Merlotti (Pd). Per la minoranza: Alessandro Capecchi (FdI), Marco Landi (Lega), Elisa Montemagni (Lega).

Presidente della Quarta commissione sarà De Robertis, vicepresidente Capecchi, vicepresidente segretario Benucci, eletti con voto unanime. “Su questi temi si gioca un pezzo di ripartenza della Toscana”, ha commentato il presidente dell’Assemblea Mazzeo, augurando buon lavoro.

Anche in Quinta commissione, Istruzione, formazione, beni e attività culturali, i componenti saranno sette: quattro per la maggioranza e tre per l’opposizione. Per la maggioranza: Cristina Giachi (Pd), Jacopo Melio (Pd), Elena Rosignoli (Pd), Maurizio Sguanci (Iv). Per la minoranza: Gabriele Veneri (FdI), Luciana Bartolini (Lega), Silvia Noferi (M5S). La presidenza della Quinta commissione andrà a Cristina Giachi, che sarà coadiuvata da Bartolini vicepresidente e da Sguanci vicepresidente segretario. Il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo, ha espresso parole di sostegno per la neoistituita Quinta commissione: “In un periodo come quello che stiamo vivendo – ha detto -, con scuole che vengono chiuse per motivi sanitari, è corretta la scelta di avere una apposita commissione per parlare di scuola e cultura”. Sulla stessa lunghezza d’onda la vicepresidente Bartolini: “Bene aver scorporato temi per istituire una commissione ad hoc”.

Ma l’unanimità non c’è stata. “Avevamo chiesto di far parte della commissione Ambiente, io vi parteciperò senza diritto di voto, ed è questo il motivo per cui voterò contro”, ha affermato Silvia Noferi (M5S). Invitando la consigliera del M5S a ripensarci, la presidente Giachi di è detta “emozionata per l’incarico, questi sono temi da presidiare perché sono coesione per la comunità”. “Mi impegno a garantire che la consigliera Noferi possa seguire senza diritto di voto anche la commissione Ambiente”, ha assicurato il presidente Mazzeo. Le operazioni di voto hanno quindi registrato sei consiglieri a favore e uno contro (Noferi).

Sarà Alessandro Capecchi (Fratelli d’Italia) il presidente della commissione di Controllo. Il consigliere è stato eletto con voto unanime nella seduta di insediamento, nella quale sono stati eletti anche il vicepresidente, Andrea Pieroni (Pd), e il vicepresidente segretario, Silvia Noferi (Movimento 5 stelle).

La commissione di Controllo sarà composta da dieci membri, sei di maggioranza e quattro di opposizione. Per la maggioranza, ne faranno parte Andrea Pieroni, Cristiano Benucci, Fausto Merlotti, Elena Rossignoli, Donatella Spadi (tutti del Pd) e Maurizio Sguanci (Italia viva). Per le minoranze, Silvia Noferi (Movimento cinque stelle), Alessandro Capecchi (Fratelli d’Italia), Elisa Tozzi ed Elena Meini (Lega). La commissione è chiamata ad occuparsi dello stato di attuazione delle politiche regionali, della coerenza degli atti con la programmazione e ha funzioni referenti sui rendiconti di Giunta e Consiglio ed è chiamata alla vigilanza sulla gestione del patrimonio regionale e degli enti regionali.

Insediata anche la commissione per le politiche europee e le relazioni internazionali. Il presidente sarà il consigliere del Partito democratico, Francesco Gazzetti, vicepresidente Giovanni Galli (Lega), vicepresidente segretaria Anna Paris (Pd). Anche in questa commissione il voto è stato unanime. Il capogruppo del Partito democratico, Vincenzo Ceccarelli, che con alcuni emendamenti in Consiglio regionale ha voluto rafforzarne le competenze, ha sottolineato “la scommessa che facciamo con questa commissione, ora con prerogative forti”. Si tratta di una “scommessa importante, in tempi in cui l’Europa deve prendere decisioni significative per fronteggiare emergenza Covid”, ha aggiunto Ceccarelli.

La commissione sarà composta da dieci membri, sei di maggioranza e quattro di opposizione. Per la maggioranza, ne faranno parte Francesco Gazzetti, Anna Paris, Vincenzo Ceccarelli, Valentina Mercanti, Massimiliano Pescini e Andrea Vannucci (tutti del Partito democratico). Per le minoranze, Irene Galletti (Movimento cinque stelle), Gabriele Veneri (Fratelli d’Italia) Giovanni Galli (Lega) e Marco Stella (Forza Italia). Sarà chiamata ad assicurare la partecipazione alla formazione del diritto europeo nella sua fase ascendente, formula osservazioni al Consiglio regionale su specifici progetti e sulla verifica del principio di sussidiarietà sugli atti dell’Unione europea: tali osservazioni vengono inviate al presidente del Consiglio regionale per l’invio alle Camere e alla Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative e delle province autonome. La Commissione assicura inoltre il supporto trasversale alle commissioni permanenti e all’ufficio di presidenza sulle tematiche europee di rilievo, svolge l’analisi dei fondi comunitari e del loro utilizzo da parte della Regione, cura studi e ricerche sulle politiche europee e sulle tematiche internazionali. Esprime parere referente sulla legge europea regionale e parere secondario sulle norme attuative regionali degli atti della Commissione europea e di adeguamento alle sentenze della Corte di giustizia europea. Sono state rafforzate le competenze della commissione per le materie di riferimento.

Con il nuovo regolamento, viene anche istituita la sessione europea del Consiglio regionale, entro il mese di marzo di ogni anno, per l’esame degli strumenti di programmazione politica delle istituzioni comunitarie, della relazione annuale al Governo, della conformità dell’ordinamento regionale al diritto europeo.

È Marco Landi (Lega) il nuovo portavoce dell’opposizione in Consiglio regionale. Il consigliere è stato nominato con espressione unanime, su proposta della capogruppo della Lega, Elisa Montemagni, questa mattina dall’assemblea della coalizione di minoranza maggiormente rappresentativa, formata da Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Al consigliere Landi sono giunti gli auguri “per un lavoro proficuo insieme e un utile confronto per dare risposte a cittadini toscani” da parte del presidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo.

Il portavoce dell’opposizione ha la facoltà di richiedere che si svolgano indagini conoscitive nel limite di due l’anno e che il presidente del Consiglio richieda al presidente della Giunta lo svolgimento di comunicazioni su questioni di rilevante interesse generale. Ha la facoltà di utilizzare tempi aggiuntivi rispetto agli altri consiglieri per gli interventi nei dibattiti consiliari su rilevanti argomenti quali la presentazione del programma di governo, il documento di programmazione economica e finanziaria, il bilancio di previsione, il rendiconto generale della Regione, gli atti di programmazione generale. Ha diritto di replica alle comunicazioni del presidente della Giunta. Può formulare e discutere in ciascuna seduta consiliare un’interrogazione a risposta immediata rivolta al Presidente della Giunta su questioni di rilevante interesse generale. Partecipa alle riunioni della Conferenza di programmazione dei lavori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.