Vaccino Covid, Noferi (M5S): “La Toscana è pronta per la somministrazione su larga scala?”

Le domande della consigliera regionale sulla macchina organizzativa

“In quali strutture sarà somministrato il vaccino? Chi se ne occuperà? Quanto personale sarà necessario e come sarà reclutato?” Sono le domande di Silvia Noferi, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle. Le notizie sulla sperimentazione dei vaccini fanno ben sperare, tanto che già dai primi mesi del 2021 i soggetti più deboli dovrebbero poter ricevere le prime dosi. Per distribuirlo, però, servirà un’imponente macchina organizzativa in ogni territorio.

“La campagna – ha detto Noferi – richiederà un grande impegno in ogni sua fase. In prima battuta sarà necessario avere per tempo la definizione delle liste, suddivise per categorie, di persone a cui sarà possibile somministrare per prime il vaccino. Servirà poi materiale specifico in grandi quantità e un’efficiente organizzazione sia per la somministrazione che per il tracciamento degli effetti su larga scala.”

Le questioni da affrontare, effettivamente, sono molte: dai mezzi di trasporto alla conservazione, dalla distribuzione alla somministrazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.