Oliveri: “Desolante vedere le luci natalizie spente, le tradizioni si possono modificare” foto

Il consigliere di Santa Croce sull’Arno: “Bene che il comune si faccia carico della spesa, ma le luci devono anche essere accese”

“È desolante girare per il centro storico e vedere che le illuminazioni natalizie installate in piazza Matteotti e nel corso Mazzini sono spente. Gli alberi di Natale posti in piazza Garibaldi e di piazza Panattoni sono al buio e privi di addobbi. Ciò fa crescere ancor di più il senso di desolazione”. Così Enzo Oliveri (conosciuto come Asma), consigliere comunale di minoranza a Santa Croce sull’Arno interviene sugli addobbi natalizi. La riflessione, come ha spiegato Oliveri, parte dalle parole di una cittadina: “Le vostre vetrine con le loro luci ci danno gioia e non ci fanno pensare a questo periodo che sembra non finire mai. A volte quando sei depressa basta una vetrina con i suoi colori e le sue luci e i sorrisi dei titolari a tirarti su”.

Dopo l’elogio di Confcommercio Pisa all’amministrazione santacrocese che aveva deciso di farsi carico dell’intera spesa dell’illuminazione natalizia, non tardano ad arrivare le reazioni.

“Sostenere una spesa che i commercianti non potrebbero effettuare – ha detto Oliveri – è, senza dubbio, un atto che possiamo dire necessario da parte dell’amministrazione in questo momento. Anche altri comuni hanno deciso di accollarsi totalmente le spese per l’installazione delle luci di Natale, ma hanno anche già provveduto ad accenderle.

Sembra, come da tradizione, che le luci saranno accese a partire dall’8 dicembre quando inizierà la festa dell’amaretto. Credo però che anche le tradizioni possono essere modificate optando per la possibilità di renderle funzionanti già da adesso. Così, non sarebbero solo le vetrine dei negozi con le loro luci di natale ad illuminare le strade.

Anche la frazione di Staffoli al momento non ha ancora le luci né in via Livornese né all’inizio di via delle Pinete. Vedere solo ed esclusivamente le vetrine dei negozi illuminate a festa infonde una grande tristezza. Chiedo all’amministrazione che si metta al lavoro per far risplendere degnamente Santa Croce e Staffoli. I cittadini ne hanno bisogno sempre e durante questo particolare Natale più che mai”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.