Eurospin, “La sicurezza dei lavoratori è una priorità assoluta”

Mozione del gruppo Pd in consiglio regionale

“Il rispetto rigoroso delle norme imposte dai protocolli, dei ruoli e delle mansioni previste dai contratti di lavoro è un obbligo costante, ma nelle circostanze attuali, la sicurezza dei lavoratori e degli utenti dei vari servizi assume un carattere di assoluta priorità, sulla quale deve concentrarsi l’operato e la massima attenzione degli operatori economici, delle rappresentanze sociali e delle istituzioni”.

Per questo, dopo le segnalazioni dei sindacati di situazioni di criticità e carenze da parte del gruppo Eurospin (qui), i consiglieri regionali del Pd hanno presentato una mozione, con primo firmatario Enrico Sostegni presidente della Commissione sanità e politiche sociali, in cui si chiede alla giunta regionale di “attivarsi per quanto di propria competenza, in merito alle situazioni segnalate dalle organizzazioni sindacali di alcuni punti vendita del marchio, in particolare dell’Empolese Valdelsa (Certaldo, Montelupo Fiorentino, Sovigliana), della provincia di Pisa e della provincia di Lucca”.

In particolare, si chiede un impegno “affinché vengano poste in essere dal gruppo Eurospin, quanto prima, tutte le misure necessarie per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori dal possibile contagio da covid 19, garantendo la salubrità dell’ambiente di lavoro”.
Nell’atto, sottoscritto anche dal presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo, dal capogruppo Vincenzo Ceccarelli, dai consiglieri Iacopo Melio, Valentina Mercanti, Massimiliano Pescini e Mario Puppa, si ricordano alcune criticità segnalate dalle rappresentanze sindacali: “la mancata garanzia del contingentamento delle presenze nei negozi, gli eccessivi affollamenti nei punti vendita, il mancato svolgimento di un’adeguata pulizia e sanificazione dei locali da parte di imprese esterne specializzate, le carenze nella fornitura al personale dei dispositivi di protezione individuali, oltre alla mancata informazione al personale sui casi di positività riscontrati tra i dipendenti e ai frequenti e repentini trasferimenti del personale da un punto vendita ad un altro”.

Nella mozione, inoltre, è esplicitato che “non sarebbe stato realizzato nessun confronto e nessun accordo sulla costituzione dei comitati covid 19, ovvero gli organismi pensati al fine di garantire condizioni adeguate di sicurezza sui posti di lavoro attraverso protocolli aziendali condivisi e la partecipazione attiva di Rsa e Rls, lasciando di fatto inatteso quanto previsto dal legislatore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.