Collegi uninominali, Cordone: “Fucecchio resti nella Città metropolitana”

Interrogazione al sindaco Spinelli

“Definita ormai la riduzione del numero dei parlamentari con l’entrata in vigore, il 5 novembre scorso, della legge costituzionale n. 1 del 2020, si rende necessario adeguare la legislazione elettorale, partendo in prima battuta dalla riconfigurazione dei collegi uninominali e plurinominali, ridefinizione da completare entro il 4 gennaio 2021″. Ne è certo Marco Cordone, consigliere comunale di Fucecchio per la Lega Salvini Premier, commentando l’aggregazione di Fucecchio alla provincia di Pisa nel collegio uninominale della Camera dei Deputati, secondo la riconfigurazione provvisoria dei collegi elettorali, presentata dalla Commissione tecnica parlamentare.

“La Commissione tecnica competente in materia – spiega Cordone -, ha elaborato una sua proposta che il governo ha recepito e inviato al parlamento per il parere necessario che potrebbe modificare l’ipotesi. Conseguenza di questa riforma costituzionale sarà l’elezione di 400 deputati e 200 senatori (compresi quelli eletti all’Estero), attraverso collegi uninominali e plurinominali e di questi, 24 deputati e 12 senatori saranno eletti in Toscana. Analizzando la situazione toscana in merito alla ridefinizione dei collegi uninominali, vediamo che la nostra Regione sarà divisa in 9 collegi uninominali per la Camera dei Deputati e 4 per il Senato della Repubblica e all’interno di tale suddivisione, Fucecchio alla Camera sarà aggregato alla provincia di Pisa mentre al Senato farà parte del collegio corrispondente alla Città Metropolitana di Firenze.

Per caratteristiche morfologiche, sociali, economiche, di disponibilità di servizi e per importantissimi, profondi legami sia storici che culturali, Fucecchio è a pieno titolo comune rilevante della Città Metropolitana di Firenze e per questi e altri motivi sarebbe giusto e razionale che anche per quanto riguarda il collegio uninominale della Camera dei Deputati, la città di Indro Montanelli fosse considerata con Firenze e non marginale come probabilmente sarà se aggregata alla provincia di Pisa, come nella configurazione proposta dalla Commissione tecnica parlamentare”.

Per tutti questi motivi, Marco Cordone che è anche consigliere nazionale Anci, componente della commissione politiche istituzionali e riforme, ha interrogato il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli per sapere prima di tutto, “se sia al corrente di quanto esposto nell’atto presentato e quali eventuali iniziative intenda prendere con procedura d’urgenza, nei confronti delle istituzioni preposte, affinché il Comune di Fucecchio possa avere una rappresentanza politica territoriale omogenea e compiutamente realizzata, sia alla Camera dei Deputati che al Senato della Repubblica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.