Azienda Speciale Castelfranco di Sotto, Rossi: “Un totale fallimento”

"Con una delibera portata in consiglio comunale in approvazione il prossimo 30 dicembre, si vuole procedere alla riorganizzazione"

“Con una delibera portata in consiglio comunale in approvazione il prossimo 30 dicembre, si vuole procedere alla riorganizzazione dell’Azienda Speciale Farmacia. Insomma si vuole mettere una pietra sopra alla pessima gestione della farmacia comunale ignorando le continue indicazioni, talora anche forti, delle opposizioni”. Lo rileva la consigliera comunale di Forza Italia a Castelfranco di Sotto Aurora Rossi.

“Con questo passaggio – dice – si conferma e si decreta il totale fallimento di questo ente e di tutta l’amministrazione comunale che non ha saputo dirigere un servizio ai cittadini e che ha procurato posti di lavoro. Che fine faranno gli impiegati dell’Azienda Speciale? Per ora non sappiamo niente, saranno assorbiti fra i dipendenti comunali, saranno licenziati o cosa altro? Per lunghi anni, oltre 10, è stato confermato lo stesso direttore generale oltre ogni limite. Non hanno mai ascoltato chi indicava gli errori commessi con una – oserei dire – allegra amministrazione, ma hanno tirato avanti e questo è il risultato: il totale fallimento.

Siamo arrivati al bilancio del 2019 con un disastroso ma già annunciato deficit e sarebbe giusto che ora fosse ripagato personalmente dai colpevoli e non dai cittadini come pensano di fare, i quali si sono limitati solo a votarli alle ultime elezioni. Sappiate pertanto cari concittadini che i debiti saranno sanati con nuove tasse da parte vostra e da parte loro non ci saranno nemmeno le scuse. Ripetevano fino alla nausea che l’Azienda Speciale era il loro fiore all’occhiello e invece è stato il pozzo di san Patrizio con chiare irresponsabilità senza fine.

Ora per chiudere il tutto in allegria, hanno fatto valutare l’Azienda Speciale da un professionista, hanno sviscerato tutte le attività economiche e patrimoniali, ma questa analisi dove è? Perché non si rende pubblica almeno all’opposizione? Noi dell’opposizione esigiamo di conoscere quello che si dite che è stato ‘approfondito’ e che noi ora dovremmo votare a occhi chiusi.

Suggeriscono di reinternalizzare i servizi amministrativi e di mandare avanti solo la Farmacia come società ma non indicano né come sarà formata e con chi. Qua non c’è niente di trasparente, per questo voglio informare i cittadini e prendere le distanze da quello che voglio chiamare un presunto imbroglio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.