“Un anno che ci ha messo a dura prova”, i ringraziamenti del Partito democratico di Santa Croce

Tra entrate ridotte e fondi ricevuti, l’elogio a tutti coloro che si sono adattati nelle difficoltà

“L’anno appena trascorso ha messo il nostro Paese davanti ad un’emergenza imprevista ed imprevedibile, le cui conseguenze hanno avuto profondi risvolti sulla popolazione locale, nazionale e internazionale. É compito dell’amministrazione, per quello che ad essa compete, non solo fare fronte all’emergenza, ma anche impostare il lavoro per il futuro, in modo tale da riuscire a fronteggiare le conseguenze che questa epidemia si porta dietro”. E secondo il Partito democratico di Santa Croce sull’Arno, insieme al gruppo consiliare del Pd, l’amministrazione Deidda è riuscita a tenere saldo il timone della macchina amministrativa anche durante la tempesta Covid. Il “grazie”, tuttavia, va anche a molti altri soggetti che hanno dato il loro contributo.

“Le prime e più evidenti conseguenze – hanno detto dal Pd santacrocese – si riscontrano infatti nelle minori entrate relative a Tari, Imu, addizionale Irpef, ai proventi della refezione scolastica e della casa di riposo Meacci, così come ha dettagliato il sindaco nella sua relazione sul bilancio di previsione.

In questa condizione di urgenza e difficoltà, l’amministrazione non solo non ha perso la visione politica che la caratterizza, ma sta cercando di rilanciarla trasformando il problema in opportunità. Per esemplificare, questo è il momento in cui si sta andando verso la concretizzazione dell’adeguamento della struttura del Maricó al possibile utilizzo per i bambini dello 0-6, con la ricaduta che questo potrà avere sull’aumento della circolazione nel centro storico, contribuendo all’obiettivo di riqualificazione dello stesso”.

“Desideriamo ringraziare anche tutti i dipendenti comunali – hanno continuato i dem – per la disponibilità mostrata nel riprogrammare ed adeguarsi alla nuova programmazione. L’attività comunale è infatti molto complessa e la necessità di riprogrammazione ha riguardato gran parte dei suoi aspetti.

È importante inoltre sottolineare il ruolo fondamentale che ha avuto il governo centrale, che ha previsto e attuato misure straordinarie a favore degli enti locali. Basti pensare al fondo per la sanificazione, al fondo per lo straordinario al servizio di polizia municipale, al fondo per l’emergenza alimentare, al fondo Imu per gli immobili turistici, al fondo a copertura del minor gettito Cosap e al fondo per i centri estivi.

Al comune di Santa Croce sull’Arno sono stati attribuiti fondi per 774mila euro, una cifra importante per fronteggiare questa emergenza e senza la quale l’erogazione di molti i servizi sarebbe stata compromessa. Esprimiamo un profondo grazie anche alla regione Toscana per 40mila euro come fondo vincolato per l’integrazione di canoni di locazione e per aver previsto la necessità di contributi aggiuntivi a favore del pacchetto scuola, andando così a colmare lo squilibrio causato dall’emergenza Covid-19. Tutte queste misure economiche danno conto dell’attenzione a specifici problemi. Grazie anche a Fondazione Carismi Crédit Agricole per il contributo di 70mila euro che è stato utilizzato per i lavori di adeguamento delle scuole del nostro comune, necessari per prevenire il Covid-19.

Concludiamo augurando un buon anno a tutto il consiglio comunale ed a tutti i cittadini, sapere di poter contare sull’efficienza della macchina comunale ci rassicura in un momento di oggettiva complessità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.