Fratelli d’Italia: “No ai saldi dal 30 gennaio, occorre anticipare”

Francesco Torselli e Paola Nucci: "Giani faccia dietrofront, altrimenti va a discapito del commercio"

“La decisione della giunta Giani di posticipare i saldi al 30 gennaio uccide il commercio toscano“. Non sono d’accordo i politici di Fratelli d’Italia Francesco Torselli e Paola Nucci, rispettivamente capogruppo in consiglio regionale e dirigente del partito.

“Chiediamo a Pd e Italia Viva di ripensarci prima che sia troppo tardi – precisano – e firmare già oggi una delibera che li anticipa quanto prima. Non sappiamo cosa succederà nelle prossime settimane  ma abbiamo la certezza, considerando il trend del numero di nuovi positivi quotidiani, che la Toscana sarà in zona gialla per due giorni e poi almeno una settimana a partire dall’11 gennaio. Questa finestra deve essere sfruttata il più possibile: è un momento cruciale per i commercianti toscani al fine di smaltire tutto l’invenduto della stagione invernale”.

“La Toscana – concludono Torselli e Nucci – è una delle ultime Regioni a far partire i saldi invernali. E’ inutile che Giani e i sindaci dem lancino campagne per comprare prodotti toscani quando poi prendono decisioni che vanno a discapito del commercio locale. Giani e la sua giunta devono fare marcia indietro, altrimenti dovranno ritenersi responsabili di aggravare una situazione economica già compromessa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.