“In Toscana 14mila posti di lavoro a rischio”, Forza Italia prepara la task force

“Effetti devastanti sulle piccole imprese, ma Stato e regioni se ne infischiano”

“La Toscana sta affrontando quasi quaranta grandi crisi aziendali che coinvolgono, a conti fatti, 14mila posti di lavoro a rischio. A queste grandi aziende si aggiungono le difficoltà delle piccole realtà imprenditoriali del territorio che, per molte delle quali, gli effetti devastanti di questi mesi di pandemia produrrà una conclusione nefasta”. Così Massimo Mallegni commissario regionale di Forza Italia e Chiara Tenerini, responsabile dei dipartimenti.

“Purtroppo – continuano -, e troppo spesso, le chiusure delle piccole e piccolissime imprese non fanno ‘notizia’ ma sono altrettanto importanti e la loro somma talvolta rappresenta numeri che fanno rabbrividire. Lo Stato e le Regioni guardano solo alle grandi crisi e se ne infischiano delle centinaia di partite iva piccole che chiudono. Noi no”.

“Forza Italia Toscana – prosegue la nota – fedele alla sua vocazione di politica attenta al mondo imprenditoriale, scende in campo con una task force regionale composta dal coordinatore regionale Massimo Mallegni, dal capo dipartimenti Chiara Tenerini e dai singoli capi dipartimento competenti per materia, oltre ovviamente all’indispensabile contributo dei parlamentari toscani di Forza Italia. La volontà è quella di interfacciarsi con tutte le grandi realtà produttive della Regione, compreso quelle che hanno attivato unità di crisi regionali e nazionali, e le singole organizzazioni datoriali per le piccole e piccolissime imprese, per comprendere, attraverso un confronto attivo, le grandi difficoltà che stanno vivendo”.

“L’obiettivo: trovare soluzioni concrete – dicono Mallegni e Tenerini – che siano reale espressione dei bisogni e delle necessità dei nostri interlocutori. La ‘politica del fare’ è la nostra cifra distintiva, per essere sempre più costruttivi nelle soluzioni ai grandi e piccoli problemi che affliggono i nostri territori e le nostre imprese. Salvaguardare la produttività significa tutelare posti di lavoro, indotti collaterali e soprattutto mantenere la tenuta sociale delle nostre comunità. Il nostro territorio è a vocazione turistica, commerciale e industriale, composto soprattutto da piccole e medie imprese. Confindustria, Confartigianato e tutte le altre associazioni di categoria sono ferme sulla stessa posizione: ‘lo scenario economico e sociale rischia di essere molto più complicato del marzo scorso’. Con grande senso di responsabilità continueremo a lavorare in questa direzione, per offrire una politica attenta, concreta e competente. Solo per fare un esempio, da qualche mese, Forza Italia Toscana, si sta occupando della crisi industriale che attanaglia da anni la Siderurgia a Piombino; lo stiamo facendo in silenzio perché non siamo abituati a proclami, ma a presentare soluzioni. Lo presenteremo nei prossimi giorni e vedrà impegnate società di primo livello nazionale”.

“Noi lavoriamo così – concludono – e non possiamo quindi rischiare che queste situazioni diventino ingestibili, dobbiamo andare in-contro alle esigenze delle imprese e dei territori aiutando ad affrontare questo momento economico critico, non possiamo abbandonarle all’ approssimazione e all’inadeguatezza di questo Governo regionale e nazionale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.