Quantcast

Cordone sui parcheggi di via Checchi: “L’assessore Gargani rispetti il mio ruolo”

“La sua risposta è stata insoddisfacente e tardiva”

“La risposta dell’assessore Fabio Gargani (non soddisfacente) mi è arrivata dopo 45 giorni invece dei 30 previsti dal regolamento del consiglio comunale. È negativo visto che i problemi di via Checchi sono ben noti all’amministrazione”. Così Marco Cordone, consigliere comunale a Fucecchio, insiste sul parcheggio di via Checchi, nella parte bassa del centro storico.

“Durante l’ultimo consiglio comunale – ha detto Cordone – sono intervenuto con un apposito intervento per sollecitare la giunta sul tema. Considerato che cerco di fare interventi costruttivi senza scendere troppo in polemica, francamente sono rimasto perplesso quando, leggendo i media locali, ho constatato che l’assessore fucecchiese fa capire che le mie proposte non servono per costruire un dialogo tra il comune e i cittadini, quando invece, nella mia interrogazione ho riconosciuto che ‘ci sono stati alcuni incontri tra i cittadini e rappresentanti della giunta’ ma sicuramente ne va fatto un altro anche alla presenza del sindaco, con lo scopo di risolvere le questioni legate ai parcheggi, come richiesto nuovamente da alcuni residenti con la lettera protocollata il 21 gennaio”.

“L’assessore Gargani – ha ribadito Cordone – deve rispettare il mio ruolo di consigliere comunale di opposizione e di rappresentante della cittadinanza come io ho sempre rispettato tutti i colleghi sia di giunta che del consiglio e si convinca che anche chi è all’opposizione rappresenta la gente”.

Cordone aveva già presentato un’interrogazione a novembre 2020 sul tema, chiedendo di risolvere “presunti problemi nella gestione dei parcheggi” perché “pur considerando positiva la riqualificazione del tessuto urbanistico del centro storico, la stessa riqualificazione, non deve penalizzare la residenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.