Quantcast

“Assente per motivi familiari, avrei votato la mozione di censura e critica verso Renzi”

Il consigliere regionale Andrea Pieroni dopo la seduta in Consiglio: “Sempre a sostegno dei diritti”

“Avrei votato convintamente a favore della mozione di censura e critica all’atteggiamento di Renzi verso il regime saudita. Del resto, come è noto a tutti, mi sono trovato spesso in dissenso con le posizioni politiche di Renzi e del ‘renzismo’”. Così Andrea Pieroni, consigliere regionale del Partito democratico precisa dopo la seduta del consiglio regionale a cui si è dovuto assentare.

“Sulla mozione – ha detto Pieroni – che prende le distanze dal viaggio in Arabia Saudita del senatore di Italia Viva Matteo Renzi e che si dissocia dalle sue parole lusinghiere verso un regime tra i più spietati e repressivi al mondo, proposta dal Movimento 5 Stelle ed emendata in alcune parti dal gruppo Pd, sono state riportate da alcuni notizie inesatte sul sottoscritto.

Nel mio caso, non mi trovavo in aula al momento del voto per gravi motivi familiari che mi hanno costretto ad assentarmi dal Consiglio alle 11, premurandomi comunque di informare il capogruppo e il vicecapogruppo.

La mia storia politica è sempre stata caratterizzata da una forte convinzione a sostegno delle libertà democratiche, civili e dei diritti umani e, se non avessi avuto questo serio impedimento, avrei partecipato alla votazione e votato convintamente a favore della mozione di censura e critica all’atteggiamento di Renzi verso il regime saudita”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.