Quantcast

Inchiesta Dda, Sinistra Italiana: “Serve una legge per bloccare conflitti di interessi e finanziamenti opachi”

Il partito: "Occorre lo scardinamento della politica dai poteri forti dell'economia e della finanza"

“C’è un aspetto fondamentale che emerge dall’inchiesta sulla ‘ndrangheta In Toscana e che viene da troppi sottaciuto. Il rapporto opaco tra finanziatori privati e partiti politici”. È Sinistra Italia Toscana ad affermarlo dopo l’inchiesta della Dda.

“Dopo l’abolizione del finanziamento pubblico a partiti e movimenti politici, è chiaro che questo legame doveva diventare trasparente, chiaro, esplicito oppure vietato nei casi in cui l’intreccio e il possibile do ut des poteva diventare un problema. Non è un caso che il procuratore Giuseppe Creazzo chieda una migliore legislazione sul rapporto tra lobby e politica. Noi chiediamo di più – spiega il partito – Con una proposta di legge presentata proprio in questi giorni da Nicola Fratoianni alla Camera, Sinistra Italiana chiede che sia vietato finanziare partiti o movimenti politici da parte di persone fisiche o giuridiche che abbiano in essere concessioni dello Stato, delle regioni, degli enti locali, di enti pubblici ovvero di società a partecipazione pubblica diretta o indiretta ma anche appaltatori e subappaltatori. Sarebbe una bella operazione di pulizia e trasparenza nei rapporti tra politica e soggetti economici. Oggi i finanziamenti ai partiti sono previsti fondamentalmente attraverso il 2 per mille, che per noi di Sinistra Italiana è la quasi unica fonte di sostegno, oltre alle sottoscrizioni dei militanti. Ma è evidente (ce lo insegnano gli Usa, dove il finanziamento è praticamente tutto privato) che più sostegno economico hai, maggiore sarà possibilità di consenso alle elezioni. E i poteri economici di norma, finanziano solo chi non li disturba o soggetti a cui possono presentare emendamenti a loro vantaggio (come nel caso dell’inchiesta in questione): non è un caso che i conciatori abbiano finanziato i candidati alla presidenza della Regione Toscana della Lega e del Pd”

“Siamo convinti, come si legge nella relazione che accompagna la proposta di legge dell’onorevole Fratoianni – conclude Sinistra Italiana Toscana –  che la sopravvivenza di un regime trasparente che assicuri congrue risorse ai partiti e ai movimenti politici rimane tutt’oggi giustificata dalla necessità di garantire l’accesso alla competizione politica anche ai ceti meno abbienti della società, che non dispongono di ingenti patrimoni privati, assicurando al contempo una competizione più equa, nonché lo scardinamento della politica dai poteri forti dell’economia e della finanza. Non è un caso che una qualche forma di finanziamento (sia pubblico che privato) della politica esista ancora oggi in ogni democrazia, in quanto essa rappresenta l’effettiva e concreta garanzia del principio costituzionale enunciato all’articolo 49 e per il quale tutti i cittadini hanno il diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.