Quantcast

Per un’altra Santa Croce, in Consiglio la mozione per ospitare gli ‘Uffizi diffusi”

L'esponente di Fratelli d'Italia, Marco Rusconi: "Dall'adesione al progetto prestigio e risalto per il Comune"

Giorni burrascosi a Santa Croce in cui a farla da padrona è ovviamente la vicenda Keu che ha monopolizzato l’attenzione pubblica. Nonostante ciò il lavoro del consiglio continua e ieri (6 maggio) è stato il giorno in cui sono stati portati in discussione una serie di ordini del giorno che attendevano da tempo di essere discussi. Uno di questi è appunto la mozione presentata lo scorso 18 febbraio dal gruppo Per un’altra Santa Croce che chiede agli amministratori di inserire Santa Croce tra i comuni che aderiscono al progetto Uffizi diffusi.

Sulla vicenda interviene il consigliere comunale Marco Rusconi: “Nei mesi scorsi il direttore degli Uffizi Eike Schmidt ha dato vita al progetto Uffizi Diffusi, questo progetto di decentramento, da quanto abbiamo potuto apprendere, ha come obiettivo principale la valorizzazione di opere appartenenti all’immensa collezione fiorentina che, per evidenti motivi di spazio, non è possibile mettere in mostra presso la Galleria degli Uffizi e che attualmente giacciono presso i depositi della medesima struttura”.

“L’idea di presentare questa mozione – prosegue l’esponente di Fratelli d’Italia – è nata dal basso, alcuni nostri militanti hanno appreso dell’esistenza di questo progetto che abbiamo subito voluto portare in Consiglio. Il modello del museo diffuso in Italia ha già dato luogo ad alcune esperienze oltremodo rilevanti e rappresenta oggi uno dei modelli più interessanti per immaginare i musei del futuro, un modello diventato quasi obbligato anche alla luce degli eventi scatenati dalla pandemia di Covid 19”.

I consiglieri sottolineano infine che “questo progetto ha già suscitato l’interesse di numerosi comuni toscani che hanno candidato sedi proprie o strutture museali presenti sul territorio ad ospitare alcune di queste opere e che l’adesione a questo progetto darebbe prestigio e risalto al nostro Comune”.

Nella mozione i consiglieri chiedono all’amministrazione comunale di inserire il Comune di Santa Croce sull’Arno tra gli enti candidabili a ricoprire tale ruolo individuando sedi o strutture museali presenti sul territorio comunale. Oltre a Villa Pacchiani, l’idea è quella di valorizzare anche il Museo del Cuoio, “troppo poco sfruttato alla luce degli sforzi economici che negli anni ha richiesto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.